Come si intende l'avvelenamento da monossido di carbonio?

Cos'è l'avvelenamento da monossido di carbonio?

Il monossido di carbonio (CO), un gas velenoso costituito da un atomo di carbonio e un atomo di ossigeno, si forma a seguito della combustione o combustione incompleta di combustibili come gas naturale, gas in bottiglia, cherosene, benzina, carbone e legno. Si chiama "killer silenzioso o nemico insidioso" perché il gas stesso non viene notato perché è più leggero dell'aria, inodore, insapore, incolore e non irritante, sebbene concentrato nel fumo. L'avvelenamento da monossido di carbonio è molto comune con la combustione di combustibili contenenti carbonio nella sua struttura in luoghi con minore ventilazione, a causa di fumi di scarico in miniere, garage o luoghi simili, in luoghi in cui vengono utilizzati gas tubolari e scaldabagni, con fumo di stufe durante i venti del sud, con altri gas tossici negli incendi.

In che modo il monossido di carbonio influisce sul corpo?

Il gas di monossido di carbonio (CO) passa dai polmoni al sangue dopo l'inalazione e forma la carbossiemoglobina (COHb) legandosi all'emoglobina, che chiamiamo globuli rossi, che trasporta l'ossigeno ai tessuti, circa 200 volte più velocemente e molto strettamente dell'ossigeno . Poiché i globuli rossi, che normalmente trasportano l'ossigeno nell'aria alle cellule sotto forma di ossiemoglobina, non possono trasportare abbastanza ossigeno durante il tempo in cui siamo esposti al monossido di carbonio, le cellule iniziano a morire e il cuore e altri organi , soprattutto il cervello, diventano disfunzionali. Poiché il primo effetto della morte cellulare è visibile nel cervello, la prima reazione del corpo è vertigini e mal di testa. La densità e la durata del monossido di carbonio sono importanti nell'avvelenamento e dopo un certo livello possono verificarsi danni irreversibili, anche se il paziente viene trattato con urgenza, poiché la morte avverrà nelle cellule cerebrali.

Quali sono i sintomi dell'avvelenamento?

Quando siamo esposti al monossido di carbonio, quando il 20% dell'emoglobina nel sangue si trasforma in carbossiemoglobina, si vedono i primi sintomi e segnali che iniziano con vertigini e mal di testa, la perdita di coscienza si verifica quando il tasso raggiunge il 50% e si verifica la morte intorno al 60-70%.

Lievi sintomi di intossicazione;

Mal di testa,

Vertigini

Premurosità

Nausea,

Sentirsi stanco

Fiato corto

Palpitazioni

Gravi sintomi di intossicazione;

Vertigini

Dimenticanza

Vomito

Rossore della pelle

Stanchezza generale

Crampi muscolari

Perdita di conoscenza

Morte per arresto respiratorio

Come dovrebbe essere il primo soccorso nell'avvelenamento da monossido di carbonio?

Una persona che aiuta una persona avvelenata deve anche proteggersi.

Le finestre devono essere aperte o rotte.

La persona dovrebbe essere allontanata rapidamente dall'ambiente e dovrebbe uscire all'aria aperta.

Dovrebbe essere chiamato il servizio di assistenza di emergenza (112 Hızır Emergency).

Quando si va all'aperto o lontano da pericoli, la bocca e il naso devono essere puliti, se la respirazione viene interrotta, deve essere avviata la respirazione artificiale (Basic Life Support).

Come viene trattata l'avvelenamento da monossido di carbonio?

Il trattamento dell'avvelenamento da monossido di carbonio si basa sulle condizioni cliniche del paziente e sulla quantità di "emoglobina carbossilica (COHb) nel sangue. Dopo che l'ossigeno e il siero sono stati inseriti nei pazienti, il loro stato vitale viene controllato e vengono valutate le funzioni del cuore, dei polmoni e del cervello. La terapia con ossigeno ad alte dosi (preferibilmente al 100%) deve essere iniziata immediatamente in qualsiasi paziente con avvelenamento da monossido di carbonio sospetto o diagnosticato.

In caso di avvelenamento grave da monossido di carbonio, poiché il livello di carbossiemoglobina è superiore al 40%, il sistema cardiocircolatorio e i disturbi neurologici sono elevati, se non migliora nonostante il trattamento con ossigeno al 100% per circa 4 ore, è necessaria l'ossigenoterapia iperbarica.

Cos'è l'ossigenoterapia iperbarica (HBOT)?

È un processo di trattamento che salva la vita, riduce i danni e ha un ruolo importante nella prevenzione dei danni permanenti in molte malattie come avvelenamento e diabete, paralisi e ustioni. L'ossigenoterapia iperbarica (HBOT) è una forma di trattamento che viene applicata al paziente che entra completamente nella camera di pressione, a pressioni superiori a 1 atmosfera (livello del mare) (solitamente 2-3 atmosfere), respirando il 100% di ossigeno ad intermittenza con un maschera, tubo endotracheale o cappucci speciali. Sotto pressione, in un dato volume, poiché ci sono molte più molecole di ossigeno, cioè con molto più ossigeno iperbarico disciolto nel sangue, l'ossigeno viene fornito alle cellule ipossiche danneggiate. Pertanto, potrebbe essere possibile sbarazzarsi della molecola di monossido di carbonio strettamente legata all'emoglobina.

Quali precauzioni si possono prendere per l'avvelenamento da monossido di carbonio?

Fare revisionare ogni anno i dispositivi utilizzati con il gas naturale nelle abitazioni e nei luoghi di lavoro.

Per garantire un adeguato apporto di ossigeno ai dispositivi a gas naturale, non bloccare la presa d'aria.

Verificare che il collegamento alla canna fumaria sia idoneo.

Verificare che i camini non siano ostruiti e che siano puliti.

Consultare i servizi autorizzati per risolvere i problemi relativi allo scaldacqua e alla caldaia combinata.

Non lasciare i veicoli in funzione per molto tempo nel garage chiuso.

Non bruciare una stufa se il camino non soddisfa gli standard in caso di vento.

Dove vengono utilizzati combustibili contenenti carbonio, utilizzare sensori di monossido di carbonio.

Rispettare le norme e gli standard in materia di salute e sicurezza sul lavoro; mostrare la dovuta cura e sensibilità al riguardo.

messaggi recenti