Ultima intervista con Esin Afşar: voglio morire sul palco!

La mia mente è per lo più occhi sorridenti che sono troppo piccoli per un 75enne. Esin Afşar, che ha detto "Lascio il mio onore e premi ai miei figli, non posso lasciare nient'altro, purtroppo", con i suoi corti capelli bianchi ha smesso di tingere, guardava la vita con i suoi malizi ...

Hülya Ünlü Mavigözlü (xlhayat.com)

La musica era la sua passione d'infanzia. Molti artisti fanno frasi che iniziano con "Quando ero piccolo", ma era davvero appassionato del suo pianoforte quando era solo un ragazzino. Ha sempre sognato di fare concerti, e sebbene fosse un artista che non ha deviato dal nero sul palco quando è cresciuto, ha sempre indossato bagni bianchi nei suoi concerti nel suo palcoscenico dei sogni quando era un bambino ... I sogni finivano sempre allo stesso modo, suonava il piano, il suo concerto stava per finire, il pubblico lo applaudeva. Ma da questo dolce sogno veniva sempre svegliato dalla voce chiamante di suo fratello o sua madre.

A quel tempo studiava all'Ankara College con suo fratello Oktay Sinanoğlu. Ma la sua mente era sempre sul pianoforte. Sua madre voleva che si diplomasse al college ed entrasse al conservatorio dopo di lei, ma per non perdere il limite di età, ha sostenuto l'esame segreto del conservatorio da sua madre e ha vinto. Sua madre rispettava la sua passione per il pianoforte e iniziarono i suoi giorni all'Ankara State Conservatory. È sempre stato uno studente brillante che ha catturato l'attenzione di tutti i suoi insegnanti. Entra nei teatri statali come pianista con la sua passione per la musica classica. Ha ascoltato le parole di Muhsin Ertuğrul, "Sii sul palco invece di essere un pianista nella fossa del palco", quindi è stato sul palco del teatro di stato per 12 anni. Ma la sua voce era così bella che continuava a insistere perché cantasse. Il suo primo manager è stato Erkan Özerman, ha iniziato a cantare in Bulvar Palas ad Ankara.

Abbiamo avuto un'intervista con il famoso artista Esin Afşar nella sua casa di Etiler in ottobre, da inserire nel libro "Hayatın İnsanları". Pubblichiamo alcune parti della nostra intervista di due ore con Esin Afşar, che è immortale con le canzoni che ha espresso, le sue composizioni e le opere che ha suonato:

Hai detto Yoh Yoh, sei rimasta come Miss Yoh Yoh. Perché quella canzone era così amata?

Se lo cantassi come qualsiasi altro cantante turco, non scherzerebbe. Ma poiché lo canto in modo teatrale, è stato amato in tutto il mondo. Quel pezzo è stato fantastico in Giappone. Vado in Russia mi dicevano "intenzione di intenzione", e la Francia è "Signora no no" ... Quindi mi è rimasta impressa.

Hai 75 anni, dai concerti e sali sul palco con grande energia. Dove trovi questa energia riflessa nei tuoi occhi? L'eccitazione del palco ti mantiene così vigoroso?

Devo dire amore. Ho un po 'di lato così iperattivo, non posso essere inattivo. Sono sempre stato così.

Guardando il nostro ambiente, molte persone che invecchiano biologicamente sono attratte dall'angolo. Perché pensi che sia così?

La maggior parte delle persone si ritira all'angolo. Devo dire che questo ora dipende dalla natura della persona o dal grado di impegno per la vita. Ad esempio, Muazzez İlmiye Çığ è uno scherzo all'età di 97 anni, ma ora è ricettiva. Odio anche usare parole straniere, la mia lingua è una vespa. Quindi è una cosa rara. Ha ancora una mente brillante, e la cosa che apprezzo di più quando parlo è che non ha il minimo errore, il suo discorso è molto scorrevole. Sia un esempio per i servitori giovani e spudorati. Questa è la tua professione, onestamente.

Ti arrabbi di più con loro, vero?

Mi sto arrabbiando terribilmente. In altre parole, la lingua del turco ha la sua musica, la rovinano, fanno intonazioni secondo loro, una cosa così stupida. Com'è quello?

Allora critichi di più Mehmet Ali Birand?

L'ha aggiustato. All'epoca fu un disastro, dire, uh, uh. Tutti i server appena cresciuti stanno iniziando a imitarlo, come l'ingegno. Ma dopo non so se ci sono stati degli avvertimenti, non so se ha preso lezioni di dizione, poi è migliorato. Non ti sento dire, uh, uh, ma ci sono ancora queste ossessioni. Ho fatto un programma con una signora, Dio sarà pazzo, la donna chiede qualcosa, beh, come mi sono innervosito. Satana dice di lasciarsi andare, voglio dire, ero così arrabbiato. Ho parlato così costantemente che non gli ho lasciato l'opportunità di parlare e chiedere nulla. Era un programma Nazim, e dato che ero ben equipaggiato con Nazim, ho finito il programma comodamente.

Quando guardiamo i giovani oggi, sono famosi per una serie TV, ma è come se tutta la nostra vita fosse trascorsa con loro in così tanti tabloid… Abbiamo bisogno di una vita piena di pettegolezzi perché accadano. Purtroppo è nel nostro paese. Non chiamo nemmeno più per informare la stampa. I giovani giornalisti non mi conoscono nemmeno. In altre parole, sono interessati a coloro che sono in giro in questo modo, dirò "al brivido tartaro", "Mani in alto, Allah yallah". Sfortunatamente, ora è diventato questo. Ma se vado in un villaggio, l'abitante del villaggio mi conosce. Come ho detto, non sono un tabloid, ecco perché le cose che faccio non sono trattate molto dalla stampa. Ad esempio, ho dato un concerto in Pakistan, chi lo sa? In una situazione pericolosa, il mio pianista aveva paura di venire, sono andato con un altro pianista o qualcosa del genere, ma chi lo sa? Ha scritto solo la Repubblica. Ad esempio, sono venuto dall'America e ho eseguito un concerto. C'è un giovane amico a Milliyet, l'ho chiamato "Sorella Esin, faccio l'intervista, ma non la stampano". Alcune persone vanno lì per aggiustare il guardaroba e dicono che ho fatto un concerto. Ma ho le foto del concerto in mano. In effetti, quel mio giovane amico giornalista è stato rimproverato. "Non portatemi cose serie come queste", ha detto il suo manager. Vai a tirare le gambe dei modelli o qualcosa del genere, purtroppo.

Credi che questa notizia sia imposta?

Quando dico imposto ora, mi è venuto in mente, sai cosa ha detto una ragazza del liceo in TV dal vivo alcuni anni fa? "Queste non sono le nostre aspettative, ci sono imposte". Non l'ho mai dimenticato. Guardiamo tutte le serie, madre e figlia si innamorano della stessa persona, zio e zio si innamorano della stessa ragazza, cadono tanti cadaveri per metro quadrato. Questa mi sembra una politica del sonno pubblica. La politica di abbattere le persone. Tuttavia, il compito dell'arte è allevare le persone, non abbatterle. Ma lo fanno, le persone guardano queste serie TV come se fossero oppresse. Ma guardano tutte le serie TV in questo modo. Amico, le persone ne scelgono uno, non lo sapevi, seguito da due. Sono tutti guardati? Che vergogna. Ma non biasimo il pubblico, biasimo chi ha creato le persone così, incolpo i media, quindi dai roba di qualità in modo che ottenga.

No, dammi musica classica occidentale almeno una volta alla settimana, tutta rimossa. TRT 3 suonava musica classica e jazz e la stanza diventava sempre meno. Su TRT 3, il programma di concerti classici di Serhan Bali si è tenuto il sabato e la domenica. Lo ascoltavo e anche loro lo hanno preso. In altre parole, si sta facendo di tutto per distruggere completamente la vera cultura. 2500 anni fa, Confucio disse: "Se vuoi distruggere un paese, prima corrompi la tua lingua, poi la tua musica". La nostra lingua si è deteriorata, anche la nostra musica è peggiorata. Dio ti benedica, cosa dovrei dire?

Cosa lascia ai suoi figli, signora Esin, dopo tutta questa esperienza?

Lascio i miei premi e il mio onore ai miei figli. Purtroppo non posso lasciare nient'altro. Kerim Avsar ha detto lo stesso a sua figlia. È la mia prima moglie. Disse così: "Figlio mio, non ho niente da lasciarti se non il mio onore!"

Stai lasciando 75 anni indietro, c'è un segreto nella vita, credi di averlo risolto?

Secondo cosa, la questione della felicità è importante ... La felicità arriva con locande, yacht, pavimenti e denaro? Non per me. Ho visto una caricatura fatta da Tan Oral anni fa. Non potrei mai dimenticarlo. Un cavallo mangerà l'erba e la mangerà. Margherita con un fiore giallo davanti lo salta e poi continua a mangiare. Mi ha colpito così tanto, non conoscevo nemmeno Tan Oral, ho chiamato e mi sono congratulato, poi siamo diventati amici. Quindi la felicità è poterli vedere. Ad esempio, l'ho mostrato a qualcun altro, ha detto: "Beh, l'ho visto, Dio, Dio".

È importante essere in grado di vedere la piccola felicità di tutti i giorni?

Ovviamente questo è molto importante. La felicità è in se stessi, non esiste un mondo in cui cercare altrove. Questo non accade con yacht e denaro. Come ho detto, è una felicità poter godere delle piccole cose. Ad esempio, ora sono molto felice quando sono con i miei nipoti.

Cos'è che chiami il mio più grande trionfo?

Ho avuto una vita artistica che quasi nessun artista potrebbe avere. Questa è una cosa molto soddisfacente. Ho avuto una vita artistica davvero piena, ma dirai di no. Adesso ho una grave malattia, ma ciò che mi tiene in vita sono ancora i miei concerti, alcuni eventi.

Qual è la tua condizione?

Credo che andrà bene, ho già una malattia del sangue. Due mesi fa, è stata eseguita la biopsia del midollo osseo, hanno detto, resta solo un passo per la leucemia. Pertanto, la chemioterapia verrà eseguita 7 giorni al mese. Ero incredibilmente malato da uno in più, ero intatto, ho dormito febbricitante per quaranta giorni, era estremamente difficile. Poi mi sono ribellato e ho detto ai dottori, non prendete la chemioterapia in bocca, non voglio sentire il nome di questo farmaco. C'è una persona di medicina alternativa che ha suggerito alcune erbe ma non le ho ancora comprate.

Ebbene, se ricominciassi, ti piacerebbe essere di nuovo un artista?

Vorrei continuare di nuovo questa stessa vita in questa professione. Mi piacerebbe essere di nuovo un musicista.

Quali sono i tuoi sogni d'ora in poi? Ognuno ha un sogno di pensionamento.

Voglio morire sul palco Voglio stare sul palco finché non muoio.

2

messaggi recenti