Dove e chi dovrebbe abortire?

Aborto significa letteralmente raschiare e, poiché viene utilizzato in ginecologia e durante il parto, significa prelevare tessuto dall'utero. Non è solo fatto per interrompere la gravidanza.

Soprattutto nei disturbi emorragici e nel sanguinamento post-monopause, il curettage può essere eseguito a scopo diagnostico (curettage della sonda). Ancora una volta, nelle ricerche sull'infertilità, l'aborto può essere applicato per capire se si verifica l'ovulazione.

L'aborto, che viene eseguito allo scopo di interrompere la gravidanza, è legalmente applicato fino alla 10a settimana di gravidanza nel nostro paese.

Se il bambino è morto, c'è una grave anormalità (disabilità) incompatibile con la vita, o se la gravidanza è discutibile dal punto di vista medico, l'aborto può essere eseguito nelle settimane successive di gravidanza.

Pratica di aborto

Gli sfratti legali possono essere applicati sia in anestesia locale che in anestesia generale. Sebbene l'aborto in anestesia generale aumenti un po 'il costo, è più preferito e consigliato sia in termini di psicologia della madre che di procedura completamente indolore.

Dopo che il paziente si è addormentato, viene posizionata la posizione e viene prima eseguito un esame ginecologico per valutare le condizioni e le dimensioni dell'utero. Dopo aver compreso le caratteristiche dell'utero, viene inserito uno speculum vaginale. Con lo speculum, la cervice diventa visibile. Lavando la vagina e la cervice con soluzioni antisettiche, vengono prese precauzioni contro una possibile infezione. Se deve essere applicata l'anestesia locale, viene eseguita in questa fase e il farmaco viene iniettato in entrambi i lati della cervice. Successivamente, la cervice, o cervice, viene tenuta con un dispositivo chiamato monofedge. Questa procedura può essere dolorosa. L'utero viene reso piatto tirando con un unico filo.

Con l'aiuto di strumenti chiamati candele, la cervice inizia ad espandersi (dilatazione). A tale scopo viene utilizzata la candela più sottile possibile. Le candele sono numerate in base alla dimensione del loro diametro in millimetri (1, 2, 3, 4, 5 .....)

Al termine del processo di dilatazione, le cannule di plastica (carminio) vengono fatte passare attraverso la cervice e viene raggiunta la cavità uterina. Dopo aver posizionato la cannula, la sua punta viene collegata a una speciale siringa che crea un vuoto prodotto a questo scopo. Aprendo il pulsante dell'iniettore, viene creata una pressione negativa e l'iniettore viene spostato avanti e indietro per pulire l'utero. Il processo continua fino a quando l'utero non è completamente pulito. Se si decide di interrompere una gravidanza superiore a 10 settimane per un motivo medico e con la decisione del comitato medico, questa procedura viene eseguita collegando cannule più grandi a dispositivi di aspirazione, quindi vengono utilizzate curette affilate per verificare se ci sono parti sinistra. Aborto e questioni legali

L'aborto e i suoi rischi

Il limite legale per l'aborto è fino alla 10a settimana di gestazione ei rischi che possono sorgere nella procedura di aborto eseguita durante questo periodo dipendono in gran parte dall'esperienza dell'ostetrica che esegue la procedura.

Il problema più comune riscontrato nelle applicazioni eseguite con l'anestesia locale (intorpidimento) è l'allergia, l'ipersensibilità e la sincope vasovagale (svenimento) all'agente anestetico locale. Questa è solitamente una situazione temporanea e non è un problema.

Anche dolore, nausea e vomito sono problemi comuni dopo la procedura.

A volte la cervice può essere abbastanza rigida da non consentire il passaggio della cannula e la procedura può essere interrotta. In questo caso, la procedura viene ripetuta dopo 1 settimana.

Nelle piccole gravidanze (<4 - 4,5 settimane) la procedura di aborto potrebbe non riuscire. Il rilascio è posticipato di una settimana dopo.

Il sanguinamento dopo l'aborto può durare fino a 1 settimana, ma se il sanguinamento dura più a lungo, dovrebbe essere controllato, potrebbe esserci un pezzo all'interno.

Raramente, l'utero può essere perforato a seconda delle mestruazioni utilizzate. Ciò può causare emorragie interne, danni all'intestino e talvolta il sito di puntura con lieve dolore senza alcun sintomo può essere chiuso dalla contrazione dell'utero.

L'infezione di solito si verifica in procedure di aborto che non vengono eseguite in condizioni sterili o in gravidanze che muoiono nel grembo materno. Infezione, infiammazione si manifesta sotto forma di dolore, secrezione, sanguinamento eccessivo. Questo problema si osserva raramente se gli antibiotici somministrati dopo l'aborto vengono utilizzati regolarmente.

Il problema più importante ma raro riscontrato nell'ultimo periodo sono le aderenze che si verificano a seguito di un danno eccessivo allo strato interno dell'utero durante la procedura (sindrome di Asherman). Si manifesta nel modo in cui non c'è sanguinamento mestruale nonostante 4-5 settimane dopo l'aborto e nessun sanguinamento può essere causato dai farmaci. Raramente si osserva nelle evacuazioni debitamente eseguite entro i limiti legali, e specialmente nei processi applicati sotto vuoto.

L'aborto è una questione delicata che impone responsabilità legali e richiede la massima attenzione. Il limite legale per l'aborto facoltativo è fino a 10 settimane, ma se il bambino è disabile, ecc. o se il battito cardiaco del bambino non viene osservato, la gravidanza può essere interrotta fino alla 24a settimana, che è il limite della vita.

Coloro che non hanno compiuto i 18 anni possono abortire con il permesso scritto e firmato dei genitori, se il paziente è sposato, è richiesto il consenso e il permesso del padre, ma se il paziente non è sposato e ha compiuto l'età di 18 anni, possono interrompere la gravidanza volontariamente.

Prima della procedura, ogni paziente deve essere informato sull'aborto e sulle complicazioni della procedura e sui problemi che può causare.

Prevenire è più facile che curare


messaggi recenti