Quale test viene eseguito per diagnosticare la carenza di vitamina D?

Sottolineando che la carenza di vitamina D si sta diffondendo come un'epidemia in Turchia e in tutto il mondo, il biochimico Dr.Hasan M.Mamık ha dichiarato: `` Questi tumori epidemici silenziosi, malattie reumatiche, infezioni, malattie neuropsichiatriche, malattie coronariche, malattie autoimmuni e ipertensione. Può causare malattie '', ha detto.

Benefici della vitamina D

Sottolineando che il livello di vitamina D aumenta le possibilità di sopravvivenza dei malati di cancro, il dottor Hasan M.Mamık "La vitamina D protegge il corpo dalla debolezza muscolare. È efficace nella regolazione del battito cardiaco. "Aumenta il sistema immunitario e aiuta l'accumulo di calcio nelle ossa".

Alimenti che sono fonti di vitamina D.

Il dottor Hasan M. Mamık ha elencato gli alimenti che contengono vitamina D come segue: "La vitamina D3 si trova principalmente nell'olio di pesce, nelle sardine, nello sgombro, nel salmone, nel tonno, nel tuorlo d'uovo, nel burro e nel fegato. Prezzemolo e ortica sono consigliati tra le piante. "

"Non trascurare il test"

Sottolineando che più della metà delle persone nel paese, che riceve il sole per circa 8 mesi all'anno, ha una carenza di vitamina D, l'esperto Dr. Hasan M. D3 negli esami del sangue di routine nei centri sanitari. La vitamina D fornisce l'assorbimento di calcio e fosforo nell'intestino. È uno dei fattori più importanti per lo sviluppo muscolare e osseo poiché fornisce l'accumulo di calcio nelle ossa.

Previene l'osteoporosi. Rafforza il sistema immunitario. La carenza di vitamina D è più comune nelle donne in gravidanza, nelle donne che allattano, in quelle di età superiore ai 70 anni, in quelle che usano la crema protettiva per la pelle mentre prendono il sole, in quelle che non hanno la possibilità di prendere il sole, in quelle che hanno la malnutrizione, in quelle con disturbi dell'assorbimento intestinale, quelli con insufficienza renale ed epatica, quelli che usano farmaci dimagranti e AIDS. È comune nei pazienti.

messaggi recenti