Mangiare il gelato rovina la dieta?

Se mangio una pallina di gelato, la mia dieta verrà interrotta? Devo preferire la luce oi frutti sono più innocenti? Il gelato è uno dei dolci preferiti. Si consuma soprattutto nel periodo estivo. Anche se il gelato bianco è la varietà più prodotta al mondo, ne ha tantissime, dal cioccolato ai biscotti, dalla frutta alla frutta secca. Inoltre sono in commercio quelli a base di latte a ridotto contenuto di grassi o completamente asportati, quelli preparati con oli vegetali al posto del grasso di latte, i gelati appositamente formulati per i pazienti cardiovascolari e diabetici e i gelati soft da consumare immediatamente. Durante la produzione di gelato, latte, sostanza secca non grassa del latte, sostanze aromatizzanti come zucchero, sciroppo di glucosio, stabilizzante, emulsionante, olio vegetale o grasso di latte, alimenti come cioccolato, cacao, frutta, noci, caramello, sahlep , vengono utilizzati aromi naturali e identici alla natura.

Valore nutritivo del gelato

Il gelato è un dolce ad alto valore nutritivo. Oltre a proteine ​​e carboidrati, contiene vitamine A, B, C, D, E e minerali come calcio, fosforo, magnesio, sodio, potassio, ferro e zinco. È una scelta più nutriente rispetto ad altri dolci. Il valore calorico del gelato è molto inferiore rispetto ad altri dolci a base di farina e zucchero. 100 grammi di gelato al latte contengono circa 190 calorie. Un cono normale è di circa 20 calorie.

Media di 148 mg in 100 grammi di gelato al latte. calcio, 115 mg. fosforo, 63 mg. sodio, 181 mg. potassio, 0,1 mg. ferro, 440 UI di vitamina A, 0,21 mg. Vitamina E, 0,21 mg. Vitamina B2 e 0,1 mg. c'è la niacina.

Condizioni di preparazione e conservazione

Se il gelato è preparato nel rispetto delle norme igienico-sanitarie è la questione più importante da considerare. Il latte è un buon ambiente per la crescita dei microrganismi. Per questo motivo i gelati devono essere fatti di latte pastorizzato. Potrebbe esserci il rischio di "Salmonella" in caso di congelamento che non viene prodotto o conservato in condizioni igieniche. Inoltre, il gelato acquistato da luoghi inaffidabili o venditori ambulanti dovrebbe essere affrontato con cautela. Non va trascurato che i frigoriferi con gelati confezionati ed etichettati sono sufficientemente freddi e funzionanti. È di grande importanza utilizzare additivi e coloranti in conformità con il Food Codex durante la produzione, eseguire meticolosamente il confezionamento e l'etichettatura e rispettare la catena del freddo nella distribuzione post-produzione.

Quelli che prestano attenzione alla loro forma

Se ti interessa il controllo del peso, puoi scegliere i gelati prodotti alla luce. Quindi, fai una scelta ipocalorica con grassi e zuccheri ridotti. Ma l'aggiunta di caramello o salsa al cioccolato, panna, nocciola o particelle di arachidi oltre a "Consumo comunque un gelato leggero" aumenterà le calorie del tuo gelato innocente di almeno 75-100 calorie.

QUANTITÀ E FREQUENZA

2 palline di gelato light = 1 porzione di frutta

3 palline di gelato bianco = 1 fetta di pane + 1 bicchiere di latte + 1 porzione di frutta.

Il gelato può essere aggiunto alla dieta quotidiana 2-3 volte a settimana. La cosa importante qui è regolare la sua frequenza e quantità. Maggiore è il sapore, maggiore è il rapporto calorie e grassi. Assicurati di leggere le informazioni sull'etichetta prima di acquistare il gelato. Quelli a base di frutta e latte generalmente hanno meno grassi, ma la scelta è tua.

STORIA DEL GELATO

Neron, l'imperatore romano, era noto per la sua devozione alla gola e per il suo guerriero. Mentre osservava i combattimenti dei gladiatori, premiava le teste dei condimenti che gli offrivano cibo delizioso. Uno dei capi dei condimenti ha riempito una ciotola con la neve raccolta dalla cima della montagna. Vi mise sopra miele e vari pezzi di frutta e lo presentò all'imperatore. Neron adorava questo cibo che non aveva mai assaggiato prima. Il giorno successivo, ha inviato l'esercito di schiavi a raccogliere la neve. Fece preparare il primo gelato della storia versando miele e frutta tritata sulla neve. Questo metodo, rimasto dai romani, è ancora utilizzato in alcuni villaggi dell'Anatolia. L'unica differenza è che cercano di ottenere quel sapore mescolando la neve con la melassa.

messaggi recenti