Alimenti che migliorano la funzione tiroidea

La funzione tiroidea è essenziale per far funzionare il metabolismo e favorire la normale crescita e lo sviluppo neurologico. Quando la salute della tiroide è danneggiata, la capacità di tutto il corpo di proteggersi diminuisce. La ghiandola tiroidea comunica con le ghiandole surrenali, ipofisarie e ipotalamo, nonché con i reni, il fegato e il muscolo scheletrico. Quando la funzione tiroidea è insufficiente, centinaia di processi enzimatici nel corpo vengono disturbati. Dott. Sinan Akkurt ha spiegato i fattori che causano il deterioramento della salute della trota e le sostanze nutritive che migliorano le funzioni della trota.

Quindi, quali sono i fattori che causano il deterioramento della salute della tiroide? I principali possono essere elencati come segue: inquinamento da metalli pesanti, residui di pesticidi nei prodotti agricoli, squilibrio della flora intestinale, fluttuazioni ormonali, alcuni farmaci, soprattutto antibiotici, malnutrizione, infezioni croniche, fumo, alcol, sonno irregolare, esposizione a sostanze cancerogene. .

Piuttosto che ipertiroidite, che è un alto livello di secrezione dell'ormone tiroideo, il cui risultato più noto è la perdita di peso, i casi di ipotiroidite sono comuni oggi, di solito a causa dei bassi livelli di ormone tiroideo. Il metabolismo dei pazienti ipotiroidei funziona lentamente. I loro livelli di colesterolo sono alti e la loro capacità di bruciare i grassi è bassa. Aumentano di peso più facilmente e più velocemente. L'ipotiroidismo può anche ridurre la potenza del cervello.

Il fatto che alcuni cibi speciali non siano inclusi nelle nostre abitudini alimentari porta ad una diminuzione della salute e della funzionalità delle trote. Una nutrizione adeguata ed equilibrata è indispensabile per mantenere le funzioni dei tridi a un livello ottimale.

Per questo, è utile consumare regolarmente i seguenti 10 alimenti:

Iodio:

Crostacei e alghe, fagioli di mare, uova, latte e latticini, mirtillo rosso, sale grosso, verdure a foglia verde ...

La funzione tiroidea dipende dalla presenza di iodio utilizzato nella produzione degli ormoni tiroidei T3 (triiodotironina) e T4 (tiroxina). L'equilibrio dello iodio nel corpo è molto critico; Perché sia ​​la sua carenza che il suo eccesso causano disfunzione tiroidea. Le migliori fonti di iodio sono salgemma, frutti di mare di qualità, pesce di acque profonde, latte e latticini, fagioli di mare, mirtilli rossi, prezzemolo e verdure come gli spinaci.

Selenio:

Sardine, tacchino, pollo, semi di girasole, fagioli secchi, lenticchie, anacardi, funghi, spinaci, noci del Brasile, fegato di agnello, uova ...

Se hai un grave problema alla tiroide, probabilmente hai una carenza nell'assunzione di selenio. La carenza di selenio è associata a un sistema immunitario indebolito, cancro e malattie come la tiroidite di Hashimoto. Quando sostituiamo il selenio, che abbiamo perso a causa della malnutrizione, alimentandolo correttamente, il metabolismo ormonale del nostro corpo migliora, controlla le risposte infiammatorie, ripara i danni alle cellule tiroidee e ai tessuti. Le migliori fonti naturali di selenio sono noci del Brasile, sardine, tacchino, pollo, semi di girasole, fagioli, lenticchie, anacardi, funghi, spinaci, fegato di agnello e uova.

Agli individui con diagnosi di ipotiroidismo si raccomanda di assumere integratori di L-selenometionina invece di ottenere il loro fabbisogno di selenio solo dal cibo.

Zinco:

Uova biologiche, salmone selvatico, manzo, zucchine, semi di chia, spinaci, mandorle ...

Lo zinco è anche un minerale traccia necessario per la sintesi dell'ormone tiroideo. Uno studio clinico su una donna con carenza di zinco e ipotiroidismo ha mostrato lesioni cutanee secche e squamose, perdita di capelli, debolezza, perdita di appetito e possibile depressione. Dopo aver assunto integratori di zinco per un mese, le lesioni cutanee erano completamente guarite, la depressione percepita era notevolmente migliorata e dopo 4 mesi i suoi capelli erano completamente cresciuti. Le fonti alimentari ricche di zinco includono uova biologiche di polli allevati al pascolo, salmone selvatico, manzo nutrito con erba, zucchine e semi di chia, oltre a spinaci e mandorle.

Vitamine liposolubili:

A, E, D e K2

Le vitamine liposolubili A, E, D e K2 sono fondamentali per sostenere la tiroide.

Vitamina A:

Svolge un ruolo nella produzione e nella secrezione degli ormoni tiroidei. Aiuta a convertire T4 in T3, normalizza il TSH (ormone stimolante la tiroide) e aiuta l'assorbimento di iodio da parte della tiroide. Le fonti più ricche di vitamina A sono le carote, le patate dolci e la zucca invernale. Si trova anche in spinaci, cavoli e verdure a foglia verde scuro.

Vitamina D:

Bassi livelli di vitamina D sono associati ad un aumentato rischio di ipertiroidismo e perdita di densità ossea. La vitamina D viene assorbita principalmente da fonti come salmone, sardine, tuorli d'uovo, latte e funghi.

Vitamina E:

La vitamina E è di grande importanza per fornire benefici antiossidanti che riducono lo stress ossidativo e normalizzano una sana risposta autoimmune associata sia all'ipo che all'ipertiroidite. Aumentare l'assunzione di mandorle crude, bietole, cavoli e spinaci, così come avocado, olive e verdure a foglia verde scuro sarà efficace in termini di vitamina E.

Vitamina K2:

Il livello ideale di vitamina K2 nel corpo ha effetti sinergici sulla salute della tiroide. La fonte dominante di vitamina K2 sono i latticini fermentati, il manzo nutrito con erba, il burro e il formaggio di animali nutriti con erba, le uova dei polli allevati al pascolo e persino alcuni alimenti fermentati come sottaceti, kefir e kombucha.

Ferro:

Verdure, noci, manzo nutrito con erba, quinoa, lenticchie ...

Il ferro è fondamentale per supportare le funzioni tiroidee. La carenza di ferro nella dieta influisce negativamente sul metabolismo degli ormoni tiroidei abbassando i livelli di T4 e T3 e sopprime l'enzima che converte T4 in T3. È stato anche dimostrato che l'ipotiroidismo associato alla carenza di ferro fa sì che il sistema nervoso simpatico produca livelli più elevati di ormoni dello stress o che combatta la risposta alla loro lotta. Il consumo di alimenti come verdure, noci, manzo nutrito con erba, quinoa e lenticchie supporta la carenza di ferro.

Vitamine del gruppo B:

Peperoni, spinaci, manzo nutrito con erba, pistacchi, uova biologiche, salmone, tonno ...

Le vitamine del gruppo B possono influenzare direttamente le funzioni tiroidee. Oggi, l'uso diffuso di droghe e il consumo di zucchero aumentano il rischio di carenza di vitamina B.

La vitamina B6 aiuta a invertire i sintomi dell'ipotiroidismo e nutre la produzione di ormoni tiroidei. Aiuta a mantenere una sana risposta allo stress che allevia i sintomi delle malattie della tiroide autoimmuni. La carenza di B12 e riboflavina (B2) è una condizione comune tra le persone con malattie della tiroide.

L'aggiunta di cibi ricchi di vitamine del complesso B alla dieta può ridurre i sintomi associati alle malattie della tiroide. L'aumento dell'assunzione di B12 può migliorare i disturbi della salute come i problemi gastrointestinali che sono dannosi per la salute della tiroide. L'assunzione di integratori del complesso B di alta qualità può migliorare la salute della tiroide e ripristinare la vitalità generale.

Per aumentare l'assunzione di vitamina B attraverso la dieta, puoi scegliere cibi come peperoni, spinaci, manzo nutrito con erba, pistacchi, uova di galline ambulanti, salmone e tonno.

Tirosina:

Fagioli, carne di tacchino, avena, pollo, uova, formaggio ...

L'amminoacido tirosina lavora in uno sforzo congiunto con lo iodio per produrre gli ormoni tiroidei T4 e T3. La tirosina fornisce la base strutturale per gli ormoni tiroidei. I bassi livelli di tirosina sono spesso dovuti a una diminuzione degli ormoni tiroidei. La perdita di tirosina nel cervello causa perdita di interesse, movimento più lento e riduzione della salute fisica. Bassi livelli di tirosina combinati con stress cronico portano ad una diminuzione dell'attività enzimatica responsabile della produzione di ormoni. Questi effetti influenzano l'ipotalamo e le ghiandole surrenali, che a loro volta portano alla disfunzione tiroidea.

Negli studi clinici in pazienti con bassi ormoni tiroidei che hanno anche mostrato segni di depressione, affaticamento e diminuzione dell'immunità, aumento della tirosina ha migliorato i livelli di stress, la funzione neurologica e livelli più elevati di ormone tiroideo circolante. Può essere assunto come integratore alimentare o può essere pianificato per aumentare il consumo di fagioli, carne di tacchino, avena, pollo, uova e formaggio.

Vitamina C:

Peperone, fragola, limone, broccoli, cavolo, pompelmo, arancia, kiwi ...

Gli individui con malattie della tiroide hanno bassi livelli di antiossidanti circolanti. La vitamina C antiossidante tratta i traumi causati da un'eccessiva produzione di ormoni tiroidei a causa della prevenzione dello stress ossidativo nei tessuti. Le migliori fonti di vitamina C; È peperone, fragola, limone, broccoli, cavolo, pompelmo, arancia e kiwi. È anche utile assumere integratori di vitamina C.

Acidi grassi omega-3:

Salmone selvatico, manzo nutrito con erba, integratori di olio di pesce ...

Gli acidi grassi Omega-3 sono fondamentali per ridurre l'infiammazione, sostenere la tiroide e proteggere dai danni ai tessuti. Oggi generalmente abbiamo una dieta che include acidi grassi omega 6 in quantità molto più elevate rispetto agli acidi grassi omega-3. Questo squilibrio non solo riduce le funzioni tiroidee, ma minaccia anche la nostra salute in vari modi. L'assunzione insufficiente di omega-3 riduce le secrezioni di ormoni tiroidei e interrompe le normali funzioni cerebrali come la memoria e il pensiero cognitivo. Salmone selvatico, manzo nutrito con erba e integratori di olio di pesce di alta qualità sono ottime fonti di acidi grassi omega-3.

messaggi recenti