Cos'è la malattia di Parkinson e come viene trattata?

Specialista in Fisioterapia e Riabilitazione Prof. Dott. Gülçin Gülşen; “La malattia di Parkinson si verifica a seguito di danni alle cellule nella regione chiamata substantia nigra, che sintetizzano la dopamina. La dopamina è una delle sostanze più essenziali nella comunicazione tra i neuroni del nostro cervello, responsabili dei movimenti del nostro corpo. Il danno alle cellule della substantia nigra causa una sintesi e un rilascio insufficienti di dopamina. Questa situazione si manifesta con un quadro clinico come rallentamento dei movimenti, tremori che si manifestano soprattutto a riposo, lentezza dei movimenti e rigidità dei muscoli. Questa malattia del cervello dovuta alla carenza di dopamina è chiamata morbo di Parkinson. La malattia è generalmente osservata dopo i 40 anni e la sua incidenza è leggermente più alta negli uomini che nelle donne. Quelli con una storia familiare di malattia di Parkinson hanno maggiori probabilità di contrarre la malattia.

La malattia di Parkinson è un disturbo del movimento cronico e progressivo, il che significa che i sintomi continuano a progredire nel tempo. Man mano che la carenza di dopamina progredisce, la malattia di Parkinson progredisce, rendendo la persona incapace di controllare i propri movimenti.

I sintomi variano da persona a persona. I principali sintomi motori della malattia di Parkinson sono:

Tremori di mani, braccia, gambe, mento e viso

Bradicinesia o movimento lento

Rigidità o rigidità delle gambe e del busto

Instabilità posturale o deterioramento dell'equilibrio

A volte c'è un tremore significativo in una sola mano. Il tremore visto a riposo è spesso accompagnato da lentezza nei movimenti. Mentre l'esordio è di solito visto in un'estremità, i risultati clinici possono essere visti sull'altro lato del corpo nel corso degli anni. Nel corso degli anni, una diminuzione dei movimenti mimici del viso e un'espressione opaca possono causare disturbi del sonno nei pazienti.

Sebbene il tremore a riposo sia il sintomo più comune, non esiste una regola che possa essere visto in tutti i pazienti di Parkinson. La malattia di Parkinson, che è una malattia progressiva, non è possibile prevedere chi sarà veloce e chi avrà un decorso lento. La gravità dei sintomi è diversa in ogni paziente. I sintomi comuni includono:

Agitare: Il tremore o l'agitazione di solito inizia nell'arto, principalmente nella mano o nelle dita. Una caratteristica della malattia di Parkinson è la tua mano che trema a riposo.

Movimento lento (bradicinesia): Nel tempo, il morbo di Parkinson può rallentare e limitare i tuoi movimenti, rendendo le attività semplici difficili e dispendiose in termini di tempo. Mentre cammini, i tuoi passi potrebbero essere accorciati o potrebbe essere difficile salire la scala.

Rigidità muscolare: La rigidità muscolare può verificarsi ovunque sul tuo corpo. La rigidità muscolare può limitare la tua mobilità e causare dolore.

Problemi di postura ed equilibrio: La postura può essere compromessa o potrebbero esserci problemi di equilibrio a causa del morbo di Parkinson.

Perdita automatica di movimento: Nella malattia di Parkinson, la capacità di eseguire movimenti inconsci come tremare, sorridere o agitare le braccia mentre si cammina può essere compromessa.

Cambiamenti di discorso: Potrebbero verificarsi problemi di linguaggio a causa del morbo di Parkinson. Durante la conversazione, puoi parlare lentamente o velocemente, oppure esitare e fare una pausa.

Modifiche al testo: Scrivere può essere difficile e la tua scrittura può sembrare piccola.

Quali sono gli effetti della malattia di Parkinson?

Difficoltà di pensiero: Potrebbero verificarsi problemi cognitivi (demenza) e difficoltà di pensiero che di solito si verificano nelle fasi successive della malattia di Parkinson.

Depressione e cambiamenti emotivi: Le persone con malattia di Parkinson possono sperimentare la depressione. Il trattamento della depressione può rendere più facile superare altre difficoltà nella malattia di Parkinson.

Potresti anche sperimentare altri problemi emotivi, come paura, ansia o perdita di motivazione.

Problemi di deglutizione: Man mano che la tua condizione progredisce, potresti avere difficoltà a deglutire. Quando la deglutizione rallenta, la saliva può accumularsi in bocca e causare problemi di sbavatura.

Problemi di sonno e disturbi del sonno: Le persone con malattia di Parkinson spesso hanno problemi di sonno, come svegliarsi frequentemente durante la notte o addormentarsi durante il giorno.

Problemi alla vescica: La malattia di Parkinson può causare problemi alla vescica come l'incapacità di controllare l'urina o difficoltà a urinare.

Stipsi: La malattia di Parkinson provoca stitichezza perché rallenta il sistema digerente.

Come viene diagnosticata la malattia di Parkinson?

Non esiste un test specifico per diagnosticare la malattia di Parkinson. Un neurologo specialista diagnostica la malattia di Parkinson in base alla tua storia medica, ai risultati clinici e all'esame fisico. Test di imaging come la risonanza magnetica, l'ecografia cerebrale, le scansioni SPECT e PET possono anche escludere altri disturbi.

può aiutare a prevenire. I test di imaging non sono particolarmente utili per diagnosticare la malattia di Parkinson.

Come viene trattata?

L'obiettivo principale nel trattamento del morbo di Parkinson è rendere il paziente attivo, indipendente e in grado di svolgere il proprio lavoro. Non esiste un trattamento chiaro oggi. Tuttavia, il numero limitato di farmaci utilizzati (che forniscono la dopamina mancante, hanno un effetto simile alla dopamina o aumentano l'uso della dopamina prevenendone la degradazione nel cervello) ha lo scopo di controllare i sintomi. Pratiche di esercizio intelligenti, esercizi di equilibrio e cambiamenti nello stile di vita possono essere utili. Anche i terapisti del linguaggio e del linguaggio possono essere utili nei pazienti con disturbi del linguaggio. I centri di terapia fisica e riabilitazione Romatem forniscono anche vari servizi come applicazioni di esercizi intelligenti ed esercizi di equilibrio ai malati di Parkinson.

Il trattamento chirurgico di solito non è la prima scelta. Tuttavia, può essere applicato se la malattia non può essere curata ei sintomi non funzionano nonostante i farmaci e la riabilitazione. Mentre il metodo di combustione è generalmente preferito nei pazienti con sintomi unilaterali, l'impianto di pacemaker cerebrale può essere preferito nei pazienti con coinvolgimento bilaterale.

Prof. Dott. Gulcin Gulsen

messaggi recenti