Chi è questo Parvus Effendi?

Lo scrittore di Sabah Engin Ardıç ha scritto che Parvus era un "agente e trafficante d'armi tedesco", mentre lo scrittore di Akşam Atılgan Bayar ha scritto che "ha finanziato Lenin, il leader della rivoluzione bolscevica, ed è diventato un muratore".

Ha vissuto a Istanbul

Parvus è descritto come "socialista e industriale russo" nella Great Encyclopedia of Larousse. Il suo vero nome è Izrail Lazarevich Guelfand e Alexander Helphland. Parvus è il suo soprannome nei suoi scritti. Nato in Bielorussia nel 1867, Parvus incontrò i marxisti russi in esilio in Svizzera, dove andò a studiare nel 1886. Successivamente è entrato a far parte del Partito socialdemocratico tedesco. Ha scritto in pubblicazioni di partito. Ha fornito un collegamento tra Lenin ei socialdemocratici tedeschi. Ritornato in Russia nel 1905, Parvus vide la pressione dell'amministrazione zarista a causa degli organi mediatici che istituì e fuggì di nuovo in Germania. Attirando la reazione dei socialisti in Germania, Parvus è venuto prima a Vienna e poi a Istanbul e vi è rimasto per più di 5 anni.

Ha colpito gli unionisti

Parvus, che ha contattato gli unionisti a Istanbul, li ha impressionati con il suo pensiero. Durante questo periodo, è stato menzionato in accuse come "corruzione nel commercio di carri" e "commercio di armi" e ha fatto una fortuna significativa.

Diffuse l'idea che gli ottomani dovessero andare in guerra dalla parte della Germania e pensava che la Russia zarista potesse essere distrutta dalla Germania. Parvus, che lasciò Istanbul nel 1915, si trasferì a Stoccolma e accrebbe la sua ricchezza con il commercio di ferro, acciaio e carbone. Ha dato un contributo significativo alla rivoluzione del 1917 assicurando che Lenin in esilio tornasse in Russia in treno sulla Germania. Tuttavia, la sua richiesta di tornare in Russia dopo la rivoluzione non è stata accettata. Morì in Germania nel 1924.

Kemal Kılıçdaroğlu: Ho contato i primi nomi che mi sono venuti in mente

Il vicepresidente del gruppo CHP, Kemal Kılıçdaroğlu, ha dichiarato: "Hai sbagliato durante la preparazione della lista?" ha risposto alla domanda. Kılıçdaroğlu ha detto: “Chiunque abbia influenzato la nostra società in un modo o nell'altro fa parte della nostra cultura. Facciamo piacere o no a questi. "Non è un concetto che condividiamo le opinioni sia del Presidente del Consiglio che di tutti quelli della lista che ho citato". Affermando che migliaia di persone possono essere contate nella lista all'interno del processo di approfondimento storico, Kılıçdaroğlu ha detto: “Credo che non sia giusto concentrare l'evento su una persona ed evidenziare i suoi errori e carenze passati. Le società lo valutano e lo evidenziano guardando in un quadro positivo, principalmente nel processo storico. Ad esempio, uno storico tedesco afferma che Hitler faceva parte della cultura tedesca. È vero, Hitler fa parte della cultura tedesca ”, ha detto. Kılıçdaroğlu ha spiegato come ha determinato i nomi sulla lista come segue: “Quando mi è stato chiesto, ho contato i primi nomi che mi sono venuti in mente. Parvus Efendi aveva anche un libro intitolato "La cattività finanziaria della Turchia" compilato dai suoi scritti, l'ho letto. Un libro importante per me. Le idee avanzate lì hanno influenzato la sinistra turca e i nazionalisti in quel momento ".

Ecco l'elenco

Kılıçdaroğlu ha contato i seguenti nomi oltre a Parvus Efendi: Yaşar Kemal, Necip Fazıl Kısakürek, Aziz Nesin, Yılmaz Güney, Mimar Sinan, Sabahattin Ali, Ziya Gökalp, Âşık Mahzuni Şerif, Agop Dila-Nato (armeno di 16 anni). Alevi Bektashi menestrello vissuto nel XIX secolo), Cemil Meriç (critico letterario), İdris-i Bitlisi (politico e scrittore curdo), Mustafa Suphi (capo del primo comitato centrale del Partito Comunista di Turchia).

MANSUR STEEL Ankara

messaggi recenti