Hai l'influenza o il raffreddore?

Sebbene l'influenza e il raffreddore siano malattie diverse, sono spesso confuse. La differenza più importante tra il comune raffreddore e l'influenza è che il raffreddore relativamente mite non ha febbre alta e disturbi delle condizioni generali, mentre al quadro possono essere aggiunti febbre alta, disturbo delle condizioni generali e infezioni batteriche secondarie. Un raffreddore che inizia con congestione nasale, naso che cola, sensazione di bruciore alla gola e tosse di solito migliora entro pochi giorni con un trattamento di supporto. Le nostre domande su come distinguere l'influenza e il raffreddore comune e le opzioni di trattamento sono op. Dott. Yalçın Varnalı ha risposto.

Cos'è l'influenza?

L'influenza è una malattia infettiva causata da un virus chiamato influenza che inizia con sintomi come febbre a 39 ° C e oltre, forti dolori muscolari e articolari, debolezza, affaticamento, brividi, mal di testa e tosse secca. All'immagine possono essere aggiunti sintomi come mal di gola, naso che cola, starnuti, occhi che colano e sangue. In alcuni casi si possono osservare dolore addominale, nausea e vomito. Sebbene i sintomi scompaiano in circa una settimana, l'affaticamento può continuare per altre 2 settimane.

Come può una persona sapere se ha un'influenza o un raffreddore?

In una nota epidemia locale, è facile diagnosticare l'influenza, sulla base dei risultati che emergono.

Sintomi influenzali:

Rapida insorgenza di febbre o brividi,

Tosse,

• Dolori muscolari,

• Mal di testa,

• Mal di gola,

• congestione nasale / naso che cola,

Stanchezza / debolezza e malessere

Sintomi comuni del raffreddore:

• congestione nasale / naso che cola,

Una sensazione di pienezza e dolore alla gola

Tosse secca

• Debolezza

Come viene trasmessa l'influenza?

L'influenza è una malattia altamente contagiosa trasmessa da goccioline d'acqua cariche di virus diffuse mediante tosse o starnuti. Le particelle virali che entrano nel corpo si depositano nel tratto respiratorio inferiore e superiore e si moltiplicano rapidamente. Il periodo di incubazione è di 1-3 giorni. Le persone infettate durante questo periodo possono infettare altri senza saperlo. Uno o due giorni dopo l'infezione, quando la replicazione virale è più rapida, si verificano improvvisamente disturbi come febbre / brividi, mal di testa, dolori muscolari, malessere o tosse. La persona infetta può continuare a diffondere il virus per 4-6 giorni dopo la comparsa dei sintomi. Il virus che si moltiplica nelle vie respiratorie può colpire tutto il corpo, raggiungendo l'orecchio medio, il muscolo scheletrico, il cuore, il fegato, il sangue e il sistema nervoso centrale.

Chi è a rischio?

Sebbene passi in media in una settimana nelle persone sane, può portare a malattie che possono portare alla morte progredendo molto più seriamente nei bambini, negli anziani, nelle persone con malattie croniche come malattie cardiache, malattie polmonari, malattie renali, diabete , che riducono la resistenza del corpo. I pazienti in questo gruppo sono chiamati "persone nel gruppo ad alto rischio".

Quali sono le complicazioni dell'influenza?

L'influenza può causare complicazioni potenzialmente fatali. Le complicazioni tipiche includono infezioni secondarie di tutte le vie respiratorie (naso, seni, gola, orecchio medio e polmoni). La polmonite, in particolare, è spesso associata all'infezione influenzale ed è la causa più comune di decessi correlati all'influenza. Altre complicazioni gravi includono bronchite, sinusite, otite media, esacerbazioni dell'asma e malattia polmonare ostruttiva cronica. Inoltre, possono verificarsi gravi problemi che interessano i muscoli, il cuore e il cervello.

È possibile prevenire l'influenza?

È importante rafforzare il sistema immunitario per prevenire l'influenza e il raffreddore. Il sonno regolare, una dieta equilibrata ed evitare il fumo sono importanti per mantenere forte il sistema immunitario. Bere molti liquidi e consumare succhi di frutta ricchi di antiossidanti e minerali come vitamina C e zinco sono importanti per la prevenzione. Inoltre, evitare la tosse e gli starnuti e lavarsi spesso le mani sono metodi efficaci.L'influenza è oggi una malattia prevenibile con i vaccini. I paesi sviluppati hanno generalmente incluso il vaccino antinfluenzale nei loro programmi e offrono ai loro cittadini gratuitamente. Nel nostro Paese il vaccino antinfluenzale non viene somministrato di routine, ma il vaccino è consigliato soprattutto per i gruppi a rischio.

I bambini possono essere vaccinati contro l'influenza?

Il vaccino antinfluenzale viene somministrato a bambini di età compresa tra 6 mesi e 3 anni come mezza dose e sopra i 3 anni come dose piena. Quando somministrato per la prima volta a bambini di età inferiore a 8 anni, si raccomanda di essere somministrato in due dosi con un intervallo di un mese. Una singola dose è sufficiente negli anni successivi. È raccomandato per bambini di età superiore a 8 anni e adulti come dose singola.

Il vaccino antinfluenzale è sicuro?

Il vaccino antinfluenzale è un vaccino inattivo (morto), quindi non vi è alcun rischio di sviluppare l'influenza a causa del vaccino. Tuttavia, poiché il vaccino è preparato nelle uova di gallina, non deve essere somministrato a coloro che sono allergici alle uova, a coloro che sono allergici al contenuto del vaccino, a coloro che hanno una malattia neurologica chiamata sindrome di Guillain-Barré e ai bambini di età inferiore a 6 mesi. Si raccomanda alle persone con una malattia febbrile di rinviare la vaccinazione fino alla guarigione della loro malattia.

A seconda del vaccino, nella zona in cui è stato somministrato il vaccino possono essere osservati effetti collaterali come dolore, arrossamento o gonfiore, dolori muscolari, sensazione di malessere e lieve febbre.

Si raccomanda di somministrare il vaccino in centri sanitari completamente attrezzati o sotto il controllo di un medico. Il vaccino antinfluenzale deve essere conservato in frigorifero tra +2 e +8 gradi e non deve essere congelato.

Quando dovrebbe essere somministrato il vaccino antinfluenzale?

Il periodo migliore per applicare il vaccino antinfluenzale è settembre-ottobre-novembre. Tuttavia, poiché i focolai possono continuare fino a marzo-aprile, i vaccini possono essere somministrati a gennaio-febbraio e successivamente, a condizione che la malattia non venga trasmessa e il vaccino sia disponibile. Dopo la vaccinazione antinfluenzale, è necessario un periodo di almeno 10-14 giorni per iniziare la protezione definitiva.

Il vaccino antinfluenzale dovrebbe essere ottenuto ogni anno?

Poiché esistono molti tipi di virus che causano l'influenza, non è ancora stato sviluppato un vaccino altamente efficace e completamente protettivo. Poiché si verificano costantemente nuovi virus influenzali, vengono sviluppati vaccini per i tipi di virus che dovrebbero essere i più comuni ogni anno. Per questo motivo la protezione del vaccino arriva fino all'80% e se infetto fornisce un decorso più lieve della malattia. Di conseguenza, si consiglia di rinnovare il vaccino antinfluenzale ogni anno.

È possibile ottenere questo vaccino gratuitamente dalle istituzioni sanitarie per sensibilizzare l'opinione pubblica, come?

Poiché il vaccino antinfluenzale non è incluso nel calendario delle vaccinazioni nel nostro paese, non è possibile ottenerlo gratuitamente dalle istituzioni sanitarie. I gruppi di rischio per i quali è raccomandata la vaccinazione possono essere elencati come segue.

1) Quelli in cui l'influenza rappresenta un rischio vitale e clinicamente raccomandati di essere vaccinati:

Più di 65 anni

• Diabetici

Pazienti con asma

Malattia polmonare cronica

Pazienti con sistema cardiovascolare cronico

• Persone immunocompromesse (malattie del sangue croniche, malati di cancro)

• Persone che vivono in case di cura, case di cura, ecc.

2) Gruppi di rischio secondari: coloro che sono in stretto contatto con quelli del 1. gruppo di rischio e;

Persone di età compresa tra 50 e 64 anni

• Coloro che risiedono in case di cura e altre istituzioni di cura e hanno condizioni mediche croniche

Quelli con malattie croniche del polmone e del sistema cardiovascolare, inclusa l'asma

• Personale sanitario

• Coloro che vivono nello stesso ambiente con i gruppi a rischio sopra menzionati

• Personale che lavora in case di cura, case di cura e luoghi simili

3) Gruppi speciali:

• Incinta (dai 4 mesi di età)

Persone con infezione da HIV

Viaggiatori frequenti

• Persone che vogliono essere protette dagli effetti medici ed economici negativi dell'influenza (uomini d'affari, addetti alla produzione, atleti, ecc.)

messaggi recenti