Le prime 3 ore sono molto importanti per l'ictus

L'intervento da eseguire durante questo periodo determina se il paziente sopravviverà e sarà costretto a letto.

Le moderne pratiche mediche che sperano nel trattamento dei pazienti paralizzati, che sono al terzo posto tra le cause di morte in Turchia e conosciute come "ictus" tra il pubblico, sono applicate con successo nella clinica di neurologia di Ankara Numune Training and Research Hospital. Responsabile della clinica di neurologia Dr. La chirurgia dell'ictus eseguita da personale esperto sotto il coordinamento di Fikri Ak riporta in vita i pazienti.

Il paziente di nome Ali Aşıcı, il padre di 3 bambini che hanno avuto un ictus ostruendo il suo vaso cerebrale, ha raccontato a İHA della sua malattia. Aşıcı, che vive nel villaggio di Culuk nel distretto di Haymana ad Ankara, ha dichiarato di essere stato sorpreso ad addormentarsi per scendere e ha detto: "Il mio lato sinistro non si è trattenuto, non potevo dare voce alla mia famiglia, avevo una lingua pigrizia, Non riuscivo a parlare, non riuscivo a capire che il mio fianco sinistro era paralizzato, facevo fatica, ma non riuscivo ad alzarmi.

Spiegando che sua moglie ha chiamato il 112 dopo l'incidente, Aşıcı ha detto: "Mi hanno portato immediatamente all'Haymana State Hospital. Sono stato accolto in ospedale. Numune Hospital è stato contattato senza perdere un minuto e ci hanno mandato in ambulanza. Ci hanno accolto in ospedale. aria non appena siamo arrivati ​​in ospedale. Gli esami sono stati fatti e l'operazione è iniziata ".

Lo sfortunato ha dichiarato che subito dopo l'operazione, era in grado di muovere facilmente la parte sinistra del suo corpo, che era paralizzata. Con un intervento seriale, la paralisi è stata eliminata 2 ore dopo che Aşıcı ha raggiunto l'ospedale.

"DEVE ARRIVARE NELLE PRIME 3 ORE"

Il dottor Erdem Gürkaş, che ha eseguito l'intervento chirurgico, ha affermato che l'ictus dovrebbe essere visto come un "attacco cerebrale" come un attacco di cuore. Attirando l'attenzione sul fatto che questi pazienti possono riprendersi quando intervengono in breve tempo come in un attacco di cuore, Gürkaş ha detto: "Il nostro team di terapia intensiva, angiografia e intervento di emergenza è sempre pronto". Stiamo facendo del nostro meglio per ripristinare il paziente precedente salute sotto forma di prendere il coagulo. "

Affermando che sono una delle rare unità in cui sono intervenuti pazienti con paralisi cerebrale in Turchia, Gürkaş ha detto: "Le prime 3 ore sono molto importanti perché quando il paziente viene da noi entro quel tempo, abbiamo bisogno di un tempo di preparazione". nota qualcosa, dovrebbero chiamare immediatamente il 112 ",

Gürkaş ha affermato che il personale 112 è stato sollevato su questo problema e che il 112 è stato contattato rapidamente dopo aver ricevuto la chiamata e il paziente è stato trasferito all'Ankara Numune Training and Research Hospital. Notando che non c'è nulla da fare se il paziente viene portato in ospedale dopo 4-5 ore, Gürkaş ha detto: "Purtroppo il tempo è molto limitato. Abbiamo uno slogan 'Il tempo è il cervello', è necessario assicurarsi che ci raggiungano senza perdere tempo. "

"DIRETTO TRA 112"

Spiegando che l'ictus si sviluppa molto improvvisamente, Gürkaş ha detto: "I pazienti ei loro parenti devono riconoscere questo incidente. In altre parole, la nostra gente sa già di essere paralizzata quando c'è un disturbo del linguaggio o una perdita unilaterale di potere. Funziona. Loro non dovrebbero farlo, dovrebbero chiamare direttamente il 112 ", ha detto.

Spiegando in dettaglio come un paziente con paralisi cerebrale ha subito un'operazione, Gürkaş ha detto: "In primo luogo, gli esami vengono eseguiti, quindi se il paziente appropriato è un paziente adatto, prima prendiamo un apri vascolare, quindi l'angiografia, entriamo nell'inguine. Entriamo nell'inguine e raggiungiamo la vena giugulare del paziente. "Stiamo cercando di raggiungere il coagulo nel cervello del paziente e rimuoverlo con alcuni materiali speciali. In genere, questa operazione ha successo", ha detto.

L'ANNO SCORSO, 37 MILA PERSONE PERDONO LA LORO VITA

Secondo i dati TURKSTAT, più di 375mila persone sono morte in Turchia nel 2014 a causa di varie malattie. L'ictus è al terzo posto tra le cause di morte, dopo le malattie cardiache e il cancro. In Turchia, dove il 10% dei decessi è dovuto a ictus, solo nel 2014 37.000 persone sono morte per ictus.

Sebbene la maggior parte dei sopravvissuti all'ictus non muoia nel periodo acuto, a volte devono vivere a letto con gravi limitazioni. Si prevede che negli ultimi 10 anni si verificheranno più ictus con il prolungamento dell'aspettativa di vita in Turchia.

messaggi recenti