Una donna grassa è brutta?

PembeNar.Com:

Quali sono i fattori che fanno sì che le donne si vedano belle?

Come lo misurano?

Quali sono le motivazioni delle donne per essere belle?

Ad esempio, una donna vuole essere bella o decorata per sentirsi bene? O è per gli uomini, o per gli schemi a cui è stato fatto credere?

Psicologa esperta - Psicoterapeuta Derya Özçelik:

Per tutti e di più. In realtà, il rapporto delle donne con la bellezza non si basa su un'unica fonte.

La bellezza è diventata un concetto molto più complesso, soprattutto oggi.

La bellezza è diventata sinonimo di molte cose diverse, come essere sani, felici, buoni e di successo, dal punto in cui critichiamo.

Pertanto, anche il rapporto delle donne con la bellezza è diverso. La ricerca mostra che il modo in cui pensiamo al nostro aspetto ha un impatto sul nostro umore, produttività e prestazioni. Quindi, se pensiamo di "avere un bell'aspetto", anche i risultati sono buoni.

Per questo motivo, una delle motivazioni dietro l'essere decorati è sicuramente sentirsi bene. Sappiamo anche che molte donne vanno dal parrucchiere, indossano i loro vestiti preferiti e si truccano quando sono depresse. A volte una strategia. Ma non è l'unica motivazione, ovviamente.

Nelle condizioni odierne in cui essere belle e avere un bell'aspetto è così importante e vitale, è quasi una necessità per le donne essere "belle" o "diventare belle". È molto, molto difficile liberarsi da questo "obbligo".

In queste condizioni possono intervenire anche giudizio, critica e concorrenza, e le donne possono anche essere adornate "per donne". E ovviamente gli uomini sono un'importante fonte di motivazione. Può essere che un solo uomo lo trovi bello, o può essere apprezzato dagli uomini in generale.

Finché questa non è la nostra unica e unica motivazione, non ci sono problemi con questo. Le nostre percezioni estetiche sono una parte importante delle nostre relazioni sentimentali.

PembeNar.Com:

Pensiamo che la percezione che la donna debole sia bella sia stata insegnata sia nel mondo che in Turchia, sei d'accordo con gli occhi di un esperto?

Psicologa esperta - Psicoterapeuta Derya Özçelik:

Ovviamente sono d'accordo.

Per decenni, i media hanno lottato per far sì che la magrezza equivalesse alla bellezza e, ancora di più, alla debolezza e alla felicità.

Certo, qualcosa relativo a ciò che chiamiamo bello. Era diverso dieci anni fa e completamente diverso cinquant'anni fa. Impariamo cosa dire bello.

Ciò che chiamo bello è un concetto insegnato e ciò che chiamiamo bello. La parte dei nostri piaceri estetici con cui siamo nati costituisce la percentuale molto, molto, molto. Impariamo il resto, ci viene insegnato.

Impariamo dalla società, dai media e dalla scienza. Attraverso questi, impariamo dai nostri amici, dalla famiglia e dall'ambiente sociale.

Forse un esempio cliché, ma penso che sia sorprendente; Corpi femminili "paffuti" nei dipinti del XVIII e XIX secolo. Incolpiamo le stesse donne oggi, dicendo: "Anche la luna ha fatto la sua foto senza vergogna!"

Tuttavia, nelle condizioni di quel giorno, sono "belli", ammirati, mostrati come esempio. Sono passati secoli, ovviamente, ciò che non è cambiato e ciò che chiamiamo bello può ovviamente cambiare.

Ma un cambiamento così radicale è davvero sorprendente. E in realtà non abbiamo bisogno di andare così indietro, anche negli anni '50 e '60 vediamo "corpi ideali" più realistici e umani. Il problema è un po 'qui. Avere una definizione di un corpo ideale. Nel posizionare il corpo come indicatore dell'ideale di salute e felicità.

La critica all'equazione debole uguale a sano ha avuto il suo effetto negli ultimi anni e la popolarità del corpo zero è diminuita. La debolezza è ancora "sacra", ma l'estrema debolezza non è approvata. Anche se è molto incerto dove traccerò il confine di questo, ma ci sono cambiamenti e trasformazioni a questo proposito. Di conseguenza, i corpi sinuosi stanno diventando di moda nel mondo. Beyonce e Kim Kardashian ne sono un esempio.

Ma ancora una volta, non stiamo risolvendo il problema principale. Abbiamo ancora una definizione della taglia ideale. È "necessario" essere ancora "belli" per avere quelle curve vistose, un certo rapporto fianchi e vita, gambe senza cellulite, pelle liscia.

Chi li ha? Ecco una Beyoncé e una Kim Kardashian!

Di conseguenza, le definizioni che sono irrealistiche, e anche salutari e lontane dall'essere "ideali" ci bloccano tutti; donne e uomini, giovani e meno giovani. Mentre si cerca di raggiungere un ideale che non possiamo raggiungere e che comunque non abbiamo bisogno di raggiungere; In realtà moriamo con la vuota promessa che saremo sani e felici quando arriveremo.

PembeNar.Com:

Che tipo di problemi psicologici causa non mi piace il tuo corpo e il tuo aspetto?

Psicologa esperta - Psicoterapeuta Derya Özçelik:

L'avversione per il tuo corpo e il tuo aspetto può essere vista a vari livelli.

Possiamo usare due concetti qui: insoddisfazione dell'immagine corporea e disturbo dell'immagine corporea. Insoddisfazione dell'immagine corporea significa insoddisfazione del proprio aspetto o del proprio corpo. Questo può effettivamente essere visto in ogni persona a vari livelli.

Se si tratta di disturbo dell'immagine corporea o immagine corporea negativa; è trovare il proprio corpo cattivo, brutto, disgustoso, odioso. Questo è spesso accompagnato da ossessioni o comportamenti di evitamento. Quindi, c'è una differenza importante tra "Non mi piace il mio corpo" e "Odio il mio corpo". Essere insoddisfatti del proprio corpo è qualcosa di più gestibile e gestibile.

Potrebbe non influenzare molto la nostra vita quotidiana, le nostre relazioni e il nostro umore. Potrebbe non volerci tempo, energia o impegnarci mentalmente ed emotivamente. È un'insoddisfazione più "semplice" e gestibile. Ma un po 'più in là, il passaggio non è così difficile, può creare situazioni psicologiche piuttosto preoccupanti e richiede l'assistenza di un esperto.

Ad esempio, il modo in cui una persona percepisce il proprio corpo influisce direttamente sul modo in cui una persona percepisce e valuta se stessa in generale.

Le sue percezioni e atteggiamenti nei confronti del suo corpo sono molto forti e rigide, e questa rigidità influisce negativamente su molte aree della vita. Molte cose come aumentare o non perdere peso, ritrovarsi grasso, non essere abbastanza deboli, grasso in aree come addome e fianchi giocano un ruolo enorme nella persona che si trova inadeguata, senza successo, impopolare o inutile.

Per far fronte a questa immagine negativa vengono elaborate regole molto rigide e / o la vita è limitata: diete malsane, esercizi inadeguati, controllo costante del corpo, non potersi guardare allo specchio, non potersi vestire di fronte agli altri , spendere troppo tempo per trovare vestiti e, come risultato di tutto ciò, sentirsi ripetutamente male., ecc ...

PembeNar.Com: È così difficile amare te stesso e accettare la tua natura fisica?

Psicologa esperta - Psicoterapeuta Derya Özçelik:

Sia sì che no.

Amare te stesso è un processo molto complicato. Se guardi molti esperti, è una "abilità" che è possibile con la combinazione di decine di fattori, a partire dal momento del tuo concepimento. L'atteggiamento dei genitori è ovviamente molto importante.

I periodi dell'infanzia e dell'infanzia sono molto critici. Anche l'adolescenza gioca un ruolo importante. Le esperienze degli adulti, i rinforzi, l'apprendimento, le ricompense, le punizioni sono il sale. I messaggi che riceviamo su noi stessi dal momento in cui nasciamo influenzano quanto ameremo noi stessi. Non fatevi ingannare dicendo: "Mia madre mi allatta quando il mio stomaco ha fame, quindi valgo la pena di soddisfare i miei bisogni"; Lo spettro si estende fino a dire "Posso nel nostro servizio piaccio, quindi sono anche amato". Una capacità che si evolve, si sviluppa e si trasforma mentre vediamo cosa possiamo fare, le nostre capacità e le nostre relazioni.

Il corpo è un'altra parte complessa di questo.

Perché cresciamo e ci sviluppiamo ricevendo dozzine di feedback sul nostro corpo. Alcuni di noi crescono imparando l'equazione I = il mio corpo o il mio corpo = I.

Alcuni di noi sono più fortunati; Impariamo l'equazione I = il mio corpo + la mia personalità + le mie identità + le mie capacità + le mie capacità + valori + le mie priorità + esperienze + la mia cultura + la mia età + il mio genere + la mia origine + i miei ruoli ... . Coloro che imparano la seconda equazione hanno il vantaggio di amare se stessi.

C'è di più che può amare, aggiungere alla valutazione, cambiare e allungare. La situazione è più difficile per chi impara la prima equazione.

Tutto deve essere vissuto attraverso il corpo.

Psicologa esperta - Psicoterapeuta Derya Özçelik

//www.deryaozcelik.com

messaggi recenti