Soda per la nausea e gomma alla menta

Specialista in ginecologia e ostetricia Assoc. Dott. Lago Mertha risposto alle nostre domande sui problemi più comuni affrontati dalle future mamme.

Quali sono le lamentele comuni nel secondo trimestre di gravidanza?

I secondi tre mesi passano più facilmente del primo e degli ultimi tre mesi. Se la gestante non assume integratori nutrizionali adeguati ed equilibrati e non utilizza i farmaci necessari, può presentare disturbi di affaticamento. Alcuni possono avere dolori muscolari, articolari e alla schiena. Altri potrebbero avvertire bruciore di stomaco verso la fine del periodo. In casi molto rari, può verificarsi sanguinamento vaginale.

In caso di contrazioni uterine che accompagnano sanguinamento vaginale o fuoriuscita di liquido amniotico, consultare immediatamente un medico.

Cosa significa l'occasionale lieve dolore all'inguine?

Questi sono solitamente dolori normali. Ma se è molto grave e si verifica con sanguinamento vaginale, potrebbe essere un segno di aborto spontaneo.

Le contrazioni negli ultimi tre mesi sono normali?

Sì. Questi; Le contrazioni che iniziano nella 30a settimana, arrivano a intervalli irregolari e non infastidiscono molto la futura mamma. Gli antidolorifici di solito scompaiono quando sono ubriachi, ovviamente, questi dovrebbero essere farmaci prescritti dal medico. Chiamiamo queste contrazioni di "braxton hicks".

Il mal di schiena durante la gravidanza è pericoloso?

Se la lombalgia causa secrezione, è accompagnata da sanguinamento, è spesso ricorrente e se provoca tensione durante la gravidanza, può essere un segno di parto o parto pretermine. Oltre a questi, dolori legati al sistema muscolo-scheletrico.

Lo scarico dalla vagina indica un problema?

Potrebbero esserci perdite vaginali. Questi; È sotto forma di correnti normali, bianche, trasparenti e inodori. Se ci sono perdite di colore verde o giallo, maleodoranti accompagnate da prurito, potrebbe indicare un'infezione. Inoltre, dovrebbero essere studiate le correnti sanguinolente.

Quali sono le ragioni per cui il sangue esce dalla vagina nel primo trimestre?

La causa più comune è l'emorragia che si verifica nell'area di impianto del bambino nell'utero, che si chiama sanguinamento da impianto. Queste emorragie si verificano in piccola quantità e temporaneamente. Un altro motivo è il sanguinamento associato alla minaccia di aborto spontaneo, che di solito è maggiore e prolungato. Inoltre, le piaghe nella cervice e persino i tumori cervicali possono causare sanguinamento vaginale durante la gravidanza.

Le donne incinte possono avere rapporti sessuali?

Nel primo e negli ultimi tre mesi, i rapporti sessuali sono generalmente sconsigliati. Oltre a questi periodi, se la donna incinta non ha sanguinamento o situazioni simili, possono verificarsi rapporti sessuali.

LA AUMENTAZIONE DELLO ZUCCHERO DEVE ESSERE CONTROLLATA

Zucchero in gravidanza; Si chiama aumento del livello di zucchero nelle donne incinte che non avevano il diabete prima. 50 gr. test di caricamento dello zucchero, una scansione per rilevare l'elevazione.

IL FERRO DEVE ESSERE SUPPORTATO SE ANIMALIZZATO

Anche se non c'è anemia durante la gravidanza, i preparati a base di ferro dovrebbero essere iniziati alla 16a settimana per bilanciare la perdita di sangue che si verificherà durante il parto. In caso di anemia grave, devono essere effettuate ulteriori indagini e le dosi dei farmaci somministrati devono essere aumentate se necessario. L'Organizzazione Mondiale della Sanità non raccomanda integratori multivitaminici nelle donne in gravidanza con abitudini alimentari sane. Queste vitamine non sono necessarie e portano ad un aumento di peso.

AVVELENAMENTO DA GRAVIDANZA

L'ipertensione, soprattutto negli ultimi tre mesi di gravidanza, è una condizione che è accompagnata da proteine ​​nelle urine ed è generalmente caratterizzata da edema diffuso nel corpo. Se non viene preso sotto controllo, influisce negativamente sulla salute della madre e del bambino.

PRENDI LA COLTURA DELLE URINE DUE VOLTE

Le infezioni del tratto urinario sono insidiose. Pertanto, anche se le donne incinte non hanno lamentele, l'esame dell'urinocoltura dovrebbe essere eseguito almeno due volte, nei primi tre mesi e negli ultimi tre mesi.

Se viene rilevata un'infezione del tratto urinario, il problema deve essere risolto con antibiotici appropriati. Altrimenti, queste infezioni possono portare a gravi problemi che progrediscono fino all'infiammazione dei reni e alla nascita prematura.

messaggi recenti