Ha l'angio al mattino e va a lavorare a mezzogiorno!

Con questo metodo, l'operazione di angiografia sta diventando più facile ei pazienti non hanno bisogno di essere ricoverati in ospedale. Dopo questa procedura, che richiede solo 5-10 minuti, i pazienti con angiografia possono persino tornare al lavoro. Anadolu Medical Center Cardiology Specialist Assoc. Dott. Eractan Ökmen ha spiegato il metodo dell'angiografia dal polso in 15 domande.

Come viene presa la decisione sull'angio?

Non tutti hanno bisogno dell'angiografia. Ci sono alcuni criteri per questo. Decidiamo se raccoglieremo tutte le informazioni ed eseguiremo l'angiografia in pazienti con alterazioni dei test da sforzo, problemi con l'ecocardiografia e dolore toracico. Quindi, informiamo il paziente sui metodi.

I pazienti esitano nel determinare il metodo angiografico?

In effetti, il paziente esita a non determinare il metodo, ma a eseguire o meno l'angiografia. L'angiografia è un metodo pericoloso per la vita inferiore all'1 su mille. I rischi che possono sorgere sono solitamente correlati al punto di ingresso dell'angiografia.

Quali sono i vantaggi di eseguire l'angiografia dal polso?

A differenza della vena inguinale, la vena del polso è molto vicina alla superficie della pelle e può essere facilmente inserita anche nei pazienti obesi. La vicinanza alla pelle e al tessuto osseo dietro di essa può anche essere facilmente applicata alla chiusura del foro di ingresso dopo la procedura. Il sanguinamento può essere controllato molto facilmente. Negli interventi di stent con accesso alla vena inguinale, la guaina che fornisce l'accesso alla vena non può essere rimossa immediatamente dopo la procedura, a causa dell'applicazione di alte dosi di anticoagulanti durante la procedura. Affinché la guaina possa essere rimossa, l'effetto di questi farmaci dovrebbe passare per 4-6 ore, durante le quali il paziente deve sdraiarsi a letto senza muovere la gamba. Dopo 4-6 ore, la guaina viene estratta, la compressione per 15-20 minuti a mano, quindi il peso viene posto con un sacco di sabbia per 4-6 ore per fermare l'emorragia. Per questo motivo, il paziente che si è sottoposto ad angiografia coronarica diagnostica tramite la vena inguinale deve rimanere sdraiato per 6 ore e il paziente che ha un intervento terapeutico come palloncino o stent per circa 12 ore a letto senza muovere la gamba operata. Non può alzarsi in piedi o andare in bagno. Negli interventi effettuati attraverso la vena del polso, la guaina viene rimossa immediatamente dopo la procedura, nonostante l'elevata dose di fluidificanti del sangue. Un materiale simile a un braccialetto è attaccato al paziente e questo braccialetto rimane sul paziente per circa due ore, prima di lasciare l'ospedale, viene rimosso e fasciato. Il paziente può rimuovere la benda il giorno successivo. Naturalmente, subito dopo la procedura, il paziente può alzarsi, sedersi, andare in bagno o persino usare la mano per mangiare il proprio pasto. Invece di rimanere in ospedale per 6 ore dopo le procedure diagnostiche coronariche, può essere dimesso in 2,5-3 ore.

Dopo quanto tempo le persone che hanno eseguito l'angiografia dal polso possono tornare al lavoro?

Il paziente può tornare a lavorare lo stesso giorno, se lo desidera. Tuttavia, questo è determinato dal risultato dell'angiografia. Se c'è un risultato che richiede un trattamento nell'angiografia, il paziente viene trattato in modo diverso.

Come si svolge il processo?

Viene eseguita l'anestesia sottocutanea della persona da angiografia e la procedura viene eseguita in anestesia locale. Poiché l'incisione è molto piccola, il paziente non avverte dolore.

Ci sono cicatrici sul polso dopo la procedura?

L'angiografia della caviglia viene eseguita attraverso una piccolissima incisione di tre mm. In altre parole, c'è una cicatrice delle dimensioni della testa di tre o quattro spilli.

Possono esserci complicazioni?

Nell'angiografia dal polso, il rischio di complicanze legate al sito di ingresso risulta essere inferiore all'1%. Quindi quasi nessuno! Dopo l'angiografia, l'importante è comprimere il sito di ingresso. Il processo principale consiste nel chiudere il foro di tre mm aperto per consentire al catetere di entrare nella vena. I problemi derivanti dal punto di ingresso sono causati dall'incapacità di questo foro di chiudersi bene. La vena utilizzata nell'angiografia dall'inguine è una grande vena. Dietro ci sono i tessuti ossei e dietro, i tessuti muscolari e adiposi. Soprattutto nelle donne in sovrappeso, viene fornito un buon rafforzamento a causa del grasso. Nell'angiografia eseguita dal polso l'emorragia viene interrotta e il foro viene chiuso in breve tempo grazie ad un materiale simile a un braccialetto utilizzato dopo l'angiografia perché c'è osso sotto la vena.

Qual è la percentuale di riuscita?

Dal 2007 abbiamo applicato con successo angiografia coronarica e intervento di stent con questa metodica a circa 5mila pazienti che si sono rivolti a noi sia dall'estero che dal territorio nazionale. Questo metodo è ancora utilizzato come standard in molti paesi come Francia, Giappone, Cina, Belgio, Germania e Paesi Bassi.

Quando compaiono i risultati dell'angiografia?

I risultati sono immediati. Perché vediamo immediatamente cosa è successo durante il processo e decidiamo cosa fare in quel momento.

Se durante l'angiografia viene rilevata un'occlusione vascolare ed è necessario uno stent, l'applicazione viene eseguita immediatamente?

Generalmente si segue la seguente via: se c'è una stenosi critica che non può essere lasciata, se è adatta per l'apertura con palloncino e stent; Quindi lo apriamo con uno stent e lo trattiamo. Per esempio; I pazienti che hanno avuto un infarto o quelli che sembrano essere molto critici nell'angiografia nonostante nient'altro possono essere sottoposti a stent allo stesso tempo. Può essere eseguito con lo stesso metodo, lo stesso giorno e la stessa sessione dell'angiografia. Se quella stenosi critica non si apre facilmente, preferiamo inserire uno stent effettuando i preparativi in ​​anticipo. Troviamo anche il tempo per discutere le alternative di trattamento con il paziente.

Ci sono persone che non possono applicare questo metodo?

Ci sono gruppi di pazienti che non vogliamo fare. Uno di loro; Pazienti in dialisi… Può essere problematico agire sulle vene del braccio di questi pazienti. Preferiamo non applicare perché i vasi del braccio sono importanti nelle persone con insufficienza renale cronica. Inoltre, dopo un incidente o un infortunio, l'angiografia dal polso non può essere eseguita su coloro che hanno traumi al braccio.

È possibile applicare a persone deboli con strutture vascolari molto sottili?

No, uno dei gruppi che non si possono fare sono quelli che sono molto deboli. Le persone di corporatura grande hanno vene più larghe di quelle deboli. Controlliamo le vene di persone molto magre con le nostre mani, guardiamo con ultrasuoni se necessario e decidiamo se i vasi hanno un diametro adatto alla procedura. Tuttavia, i cateteri che utilizziamo sono molto sottili. Per questo motivo, il tasso di pazienti che non possiamo eseguire la procedura a causa della magrezza delle loro strutture vascolari è solo dell'1%.

C'è una differenza tra uomini e donne nella pratica o nei risultati?

Non c'è differenza tra i due sessi in termini di applicazione. L'unica differenza è che le vene delle donne sono più sottili di quelle degli uomini. Ma questa differenza non ci dà alcuna difficoltà.

Una persona può sottoporsi più volte all'angiografia del polso?

Ovviamente è possibile. In tal caso, possiamo entrare a mezzo pollice sopra il punto in cui è stata eseguita l'operazione precedente ed eseguire l'angiografia da lì. Pertanto, la procedura diventa più facile sia per noi che per il paziente. Come altro metodo, possiamo applicare la procedura al polso opposto. Abbiamo molti pazienti che hanno avuto più volte l'angiografia e poi hanno posizionato uno stent con palloncino.

Come si adatta la persona alla sua vita quotidiana dopo l'angiografia?

Con questo metodo, il paziente può tornare a casa a piedi. Anche nella sua vita quotidiana, può fare quello che vuole senza sforzare il braccio. Si sconsiglia di fare il bagno a meno che non sia obbligatorio. Non esiste un regime nutrizionale che debba essere applicato specificamente dopo la procedura.

messaggi recenti