Cisti di Bartolino

Le ghiandole di Bartolini sono organi situati su entrambi i lati dell'ingresso del tratto riproduttivo, sinistro e destro. Queste ghiandole si aprono all'ingresso del tratto riproduttivo attraverso un canale sottile. Secernono muco. Il suo scopo principale è quello di secernere un liquido trasparente e scivoloso con una consistenza viscida, il cui scopo principale è quello di facilitare l'ingresso del pene nel tratto uterino e di garantire che l'ingresso dell'utero sia umido. Questo fluido aumenta con la stimolazione sessuale. Questa ghiandola è come una ghiandola.

Se c'è un blocco nel condotto in cui la ghiandola di Bartolini scorre nella vagina per qualsiasi motivo come l'infiammazione dell'ingresso uterino o l'infiammazione della ghiandola di Bartolini stessa, l'interno del sacco dietro l'ostruzione inizia a riempirsi di secrezione della ghiandola. Le ghiandole nel sacco continuano a produrre secrezioni e il sacco che non può essere svuotato inizia a gonfiarsi e si forma una cisti. Questa si chiama "cisti di Bartolini". La dimensione della cisti può variare, può essere piccola, può avere le dimensioni di un uovo. Generalmente provoca dolore. La bocca del dotto della cisti è solitamente infettata da germi e si chiude. Infiammazione della ghiandola di Bartolini si chiama "bartolinite". Cominciano a manifestarsi sintomi generali di infezione. C'è febbre, eruzione cutanea e dolore. Alla fine, si verifica un ascesso contenente pus. Questo si chiama "ascesso di Bartolini".

Generalmente, il primo sintomo è un gonfiore indolore unilaterale all'ingresso della vagina. Questo gonfiore può causare disagio e dolore durante il movimento, camminare, sedersi e fare l'amore. Se il microbo si è diffuso all'interno, ci saranno arrossamento, calore e sensibilità nella parte gonfia. Se progredisce e non viene trattato, provoca un dolore insopportabile e quando diventa insopportabile, la persona cerca immediatamente un medico.

Per evitare che ciò accada, è necessario prestare attenzione alla pulizia e all'igiene, è utile non fare sesso con un nuovo partner senza preservativo, consultare immediatamente un medico se si ha la dimissione, per evitare che il grande bagno si contaminando la vagina non pulendo dalla parte posteriore in avanti dopo la grande toilette e per essere sotto il regolare controllo del medico.

Il trattamento da effettuare dipende dalle dimensioni della cisti, se è dolorosa o se è infetta o meno. Se non c'è dolore e arrossamento, non viene somministrato alcun trattamento e viene monitorato se la cisti cresce o meno e se provoca disagio o meno. Se necessario, vengono somministrati antibiotici appropriati. Se si sviluppa un ascesso, viene praticata una piccola incisione cutanea dall'interno del gonfiore e l'infiammazione all'interno viene drenata. In questo caso vengono somministrati anche antibiotici.

Nelle infezioni ricorrenti da cisti o quando la cisti provoca disagio, il medico esegue una piccola incisione sulla cisti e la bocca di questa incisione può talvolta essere lasciata aperta per consentire la riformazione. Questa procedura di solito può essere eseguita nello studio del medico e in anestesia locale. Raramente sono necessarie procedure chirurgiche più ampie.

Il recupero richiede fino a 10 giorni. A volte la cisti può ripresentarsi, lo stesso trattamento viene applicato di nuovo.

Sintomi

* Gonfiore unilaterale o bilaterale sulle labbra esterne,

* Forte dolore al tratto riproduttivo,

* Rapporti sessuali dolorosi, vale a dire dispareunia,

* Disagio e sensibilità durante i rapporti sessuali,

* Rossore e calore sulla strada dell'argine,

* Difficoltà a camminare, ecc.

Diagnosi

La diagnosi viene effettuata rilevando il gonfiore cistico nelle labbra esterne durante l'esame.

Il fattore più importante che causa l'ostruzione nel dotto della ghiandola di Bartolini sono le infezioni causate da batteri come i batteri che causano la malattia chiamata "gonorrea".

Motivi

* Microbi,

* Infezioni che si sono verificate o sono ancora nell'area del tratto riproduttivo,

*Cancro,

* Un urto o una lesione nell'area del tratto riproduttivo,

Convulsioni da lesioni nell'area del tratto riproduttivo,

* Dopo alcuni interventi chirurgici nell'area del tratto riproduttivo.

Protezione

* Prestando attenzione alla pulizia e all'igiene,

* In caso di dimissione, consultare immediatamente un medico,

* Durante la pulizia dopo la grande toilette, non pulire dalla parte posteriore in avanti e per prevenire la contaminazione delle feci nel tratto riproduttivo

* Non fare sesso con un nuovo partner senza preservativo,

* Infine, essere sotto regolare controllo medico.

Trattamento

* Trattamento antibiotico,

* Antidolorifici,

* Drenaggio ascesso,

* Marsupializzazione, cioè fare una tasca per permettere al muco secreto dalla ghiandola di fuoriuscire,

* Trattamento chirurgico,

* Trattamento di malattie sessualmente trasmissibili, se presenti.

Trattamenti per lo squilibrio degli estrogeni


messaggi recenti