Cos'è l'incompatibilità del sangue?

L'incompatibilità Rh entra in gioco quando il sangue della futura mamma è Rh (-) e il sangue del padre candidato è Rh (+). Se il bambino ha un gruppo sanguigno Rh (+), il meccanismo di difesa della futura madre percepisce i globuli del bambino come una sostanza estranea e sviluppa un meccanismo per scomporli.

Poiché il bambino nascerà nella prima gravidanza fino a quando la futura madre non svilupperà una difesa contro questi nuovi globuli, il bambino si libera da questo attacco. Tuttavia, poiché il sistema di difesa nel corpo della madre sarà più esperto nella seconda gravidanza, potrebbe non dare a questo bambino una possibilità con una difesa efficace. Sebbene le precauzioni necessarie non vengano prese in tempo, quando questo sistema di difesa della futura mamma incontra le cellule Rh (+) nel sangue del nascituro nelle gravidanze successive, questa volta avvia una difesa violenta con gli strumenti di difesa pronti e quindi la vita del bambino potrebbe essere in pericolo.

Che danno subirà il bambino in caso di incompatibilità del sangue?

In caso di incompatibilità del sangue tra madre e padre, il sistema di difesa della madre percepisce il diverso gruppo sanguigno del bambino come una sostanza estranea e alcuni anticorpi iniziano a formarsi nel corpo della madre per distruggere questa sostanza. Questi anticorpi passano al bambino attraverso il cordone ombelicale. Di conseguenza, nel bambino si possono riscontrare gravi problemi di salute come insufficienza cardiaca e disabilità. Il corpo del bambino, la cui anemia aumenta di giorno in giorno, può raccogliere acqua e può verificarsi edema. In futuro, il bambino potrebbe perdersi nell'utero a causa di insufficienza cardiaca.

Quali precauzioni dovrebbero essere prese prima della nascita?

La futura mamma deve conoscere il gruppo sanguigno prima del parto. Se la madre non ha informazioni precise sul suo gruppo sanguigno, è necessario eseguire un test per determinare il gruppo sanguigno.

L'intervento precoce è possibile nell'incompatibilità del sangue

Se i test del gruppo sanguigno eseguiti prima del periodo di gravidanza indicano un'incompatibilità sanguigna tra madre e padre, il processo di gravidanza deve essere seguito con un follow-up sensibile. In caso di incompatibilità del sangue, la prima gravidanza di solito potrebbe non essere un problema. Tuttavia, il rischio aumenta nella seconda e nelle successive gravidanze.

Se il sangue della madre e del bambino nell'utero viene mescolato per qualsiasi motivo, l'incompatibilità del sangue può diventare problematica se l'iniezione protettiva non è stata somministrata in precedenza. Se si nota che il sangue è misto, è necessario eseguire immediatamente un'iniezione protettiva. Se l'iniezione viene ritardata, gli interventi medici (cercando di ingrandire il bambino con il trasferimento di sangue intrauterino) cercheranno di mantenere il bambino in vita.

Assistenza medica all'incompatibilità del sangue

Esistono 2 diversi approcci per intervenire sul piano medico nell'incompatibilità del sangue. Nel primo approccio, se il sangue della madre e del bambino non si è mescolato fino alla 28a settimana di gravidanza, questa settimana viene praticata un'iniezione preventiva. Nell'altro approccio, la madre viene iniettata quando il bambino nasce con un gruppo sanguigno RH positivo, in attesa che il parto abbia luogo. In questi due metodi, un ago protettivo è assolutamente realizzato e la percentuale di successo è del 99,5%. L'ago protettivo continua a proteggere la madre nelle sue future gravidanze.

Dovrebbero essere prese misure anche in caso di aborto o aborto spontaneo.

Anche se la futura mamma ha un aborto spontaneo o un aborto, se viene rilevata un'incompatibilità del sangue, l'iniezione di incompatibilità proteggerà la madre nelle gravidanze future.

messaggi recenti