Cosa fare dopo la procedura di fecondazione in vitro

Di fronte a questa domanda che incontriamo spesso, quello che diciamo a volte viene dimenticato e il tempo fino all'analisi della gravidanza viene speso con misure per sentito dire come se dicesse il vicino di casa, la suocera o un nostro amico. Sfortunatamente, i pazienti che ci tengono in considerazione in ogni questione, in questa fase, seguono il modo di credere e applicare le informazioni per sentito dire.

Probabilmente i pazienti che hanno perso il contatto con il medico e il centro e sono in attesa a casa stanno ascoltando voci per dare un contributo a pieno titolo, e il medico inizia a pensare che il medico abbia saltato a dirlo. Noi, come medici che praticano la fecondazione in vitro, dobbiamo agire con fatti scientifici, dobbiamo raccomandare cose che possono avere possibili benefici.

Ricorda che le informazioni non provate potrebbero danneggiarti anziché trarne vantaggio. Molte questioni vengono applicate alla sensazione senza nemmeno essere informate del medico, e infatti, i pazienti trascorrono questo tempo in un modo stressante e ansioso, che dovrebbe essere comodo e pacifico. In questo articolo, vorrei parlarvi delle applicazioni che incontriamo di frequente.

Devo sdraiarmi tutto il tempo dopo il trasferimento? La risposta è no

Dopo il processo di trasferimento, ogni paziente viene riposato nel centro dove viene eseguita la procedura per almeno 45-60 minuti, quindi viene dimesso e si consiglia il riposo a casa di 2-3 giorni. Questo riposo consigliato è percepito come l'andare a letto continuamente. Continuare a sdraiarsi rallenta la circolazione sanguigna e possono verificarsi complicazioni correlate.

Il rallentamento della circolazione sanguigna diminuirà il flusso sanguigno verso l'utero e farà sì che l'embrione si nutra di meno e assuma meno ossigeno, oltre ad aumentare la tendenza a coagulare e può avere effetti negativi sulla madre. Dopo il trasferimento, i nostri suggerimenti sono di continuare le attività quotidiane come prima del trasferimento e anche i dipendenti di continuare il loro lavoro.

Spesso durante i periodi di stress, i pazienti possono ottenere un sostegno sociale significativo dai loro colleghi al lavoro e possono mettere fuori fuoco la gravidanza affrontando altri problemi. Stare lontano da questo supporto e invece stare a casa a preoccuparsi del risultato del trattamento può fare più male che bene.

Può essere appropriato utilizzare il congedo post-trasferimento se si è esposti a tossine (come sostanze chimiche, radiazioni) che sono molto stressanti, che richiedono un lavoro pesante o che possono essere dannose per la salute riproduttiva del paziente.

2. Quello che mangio è importante per una migliore adesione dell'embrione? La risposta è no

Certo, una gravidanza sana può essere in un corpo sano ed è necessario mangiare bene per essere sani. Applicare una dieta separata dopo le procedure di fecondazione in vitro non aumenta le possibilità di gravidanza. È necessario continuare allo stesso modo le proprie abitudini alimentari e consumare il più possibile cibi sani.

In particolare, l'alimentazione a base di proteine ​​(come carne, latticini, pesce) porta ad una diminuzione dei tuoi problemi come edema, distensione addominale e aumento di peso causato dagli ormoni a cui sei esposto durante la fecondazione in vitro. Stitichezza e problemi di gas possono svilupparsi poiché i movimenti intestinali diminuiranno a seconda degli ormoni somministrati e si consiglia inoltre di consumare verdure e cibi ricchi di fibre per ridurli.

C'è una falsa credenza soprattutto nelle nostre province orientali come le verdure di colore verde non dovrebbero essere mangiate dopo il trasferimento (prezzemolo, menta ecc.). Non c'è una spiegazione scientifica per questo ed è una voce completa. Di conseguenza, consumare molti cibi proteici, legumi, verdura, frutta e bere molta acqua è la dieta più appropriata che puoi fare per te e il tuo bambino.

3. Fare sport fa cadere l'embrione? Risposta: INCERTO,

Sebbene non ci siano informazioni molto chiare su come fare sport dopo il trasferimento, va bene fare sport leggeri dopo 2-3 giorni di riposo, come camminare 20-30 minuti al giorno. Sport estremi, esercizi cardiovascolari come camminare a ritmo sostenuto o fare jogging che durano più di 4 ore a settimana possono ridurre il tasso di gravidanza. Durante l'esercizio fisico eccessivo, la temperatura corporea aumenta e questo può essere dannoso per l'embrione inserito nell'utero. Il nuoto non è raccomandato, soprattutto se usi il gel vaginale.

4.I rapporti sessuali possono essere effettuati dopo il trasferimento dell'embrione? Risposta: SI

Sebbene raccomandiamo di non avere rapporti sessuali dopo il trasferimento, è stato riscontrato negli studi che il tasso di gravidanza non diminuisce nelle coppie che hanno rapporti sessuali. La sessualità può essere vissuta dopo 2-3 giorni di riposo, ma i farmaci e soprattutto i gel vaginali possono prevenire questa situazione e la sessualità è generalmente sconsigliata dopo il trasferimento perché può causare eccessiva sensibilità e dolore nelle donne.

Anche i rapporti sessuali sono sconsigliati a causa del dolore inguinale dopo il prelievo degli ovociti e del rischio di torsione, che chiamiamo l'ovaia che gira su se stessa.

5. Lo stress ha un effetto negativo sulla gravidanza? La risposta è no

La nostra risposta alla domanda sulla relazione tra stress e gravidanza, che è una delle domande più frequenti, è evitare lo stress. Sebbene questo problema sia piuttosto controverso, è stato riscontrato in studi che lo stress emotivo (dovuto a procedure di fecondazione in vitro o altri motivi) non influisce negativamente sugli esiti della gravidanza.

Poiché anche la definizione di stress è molto variabile, il lavoro è uno stress per alcuni pazienti, mentre lo stare a casa può essere stress per altri. Se lo stress impedisce ai pazienti di venire al trattamento o interrompe il trattamento, è utile cercare un aiuto professionale.

doktorsitesi.com

messaggi recenti