Qual è il sintomo del sangue e del bruciore nelle urine?

Il cancro alla vescica è uno dei tipi più comuni di cancro dopo il cancro alla prostata negli uomini. L'urina dolorosa e sanguinante mostra il primo segno della malattia nel cancro causato da una grande quantità di consumo di sigarette. Responsabile del Dipartimento di Urologia Prof. Dott. Abbiamo parlato con Sinan Ekici.

Il sangue e il bruciore nelle urine sono il primo segno della malattia!

Il sanguinamento indolore nelle urine è uno dei risultati più comuni nel cancro della vescica. Il sanguinamento nelle urine è visto come il primo sintomo in circa l'85% dei pazienti. Il sanguinamento è quasi sempre intermittente o intermittente. Anche se il paziente non ha sanguinamento visibile, il sanguinamento microscopico può essere rilevato nell'analisi delle urine.

I reclami costituiti da minzione frequente, urgenza e bruciore durante la minzione sono il secondo modulo di domanda più comune. Altri segni e sintomi del cancro della vescica includono la lombalgia dovuta all'ostruzione nel canale urinario che collega il rene alla vescica, gonfiore alle gambe e una massa nell'addome. In casi molto rari, i pazienti possono presentare sintomi di malattia avanzati come perdita di peso, dolore addominale o dolore alle ossa al momento della presentazione.

Il rischio di cancro aumenta con l'età

Sebbene il cancro della vescica possa essere visto a qualsiasi età, compresa l'infanzia, è generalmente una malattia della mezza età e della vecchiaia. L'età media alla diagnosi di cancro alla vescica è di 69 anni per gli uomini e 71 per le donne. Il tasso di cancro alla vescica aumenta direttamente con l'età.

Sebbene il fattore genetico sia efficace, il fattore ambientale influisce di più.

Ci sono molti fattori di rischio per una persona di contrarre il cancro alla vescica. A questo punto, la predisposizione genetica può giocare un ruolo importante. Perché quelli con cancro alla vescica nella loro famiglia sono a più alto rischio. Fattori di rischio ambientale che si ritiene abbiano un ruolo nello sviluppo e nella progressione del cancro della vescica;

Fumo a lungo termine

• Esposizione a prodotti chimici professionali (industriali) (industrie di vernici, tessili, alluminio, cuoio, petrolio)

Infezioni croniche parassitarie, batteriche, fungine e virali

Pietre o corpi estranei nella vescica

Metodi di trattamento come chemioterapia, radioterapia

Il fumo aumenta la progressione della malattia e il rischio di ricaduta

Il fumo è il più importante fattore di rischio ambientale noto nel cancro della vescica. Lo sviluppo del cancro alla vescica è 4 volte maggiore nei fumatori rispetto ai non fumatori. Il rischio è proporzionale al numero di sigarette fumate, alla durata del fumo e alla quantità di inalazione. Non smettere di fumare dopo la diagnosi di cancro alla vescica peggiora il decorso clinico e l'esito nel cancro iniziale della vescica non muscolare. Continuare a fumare aumenta anche il rischio di recidiva della malattia.

All'aumentare del numero di sigarette fumate, l'aggressività del cancro alla vescica, che si verificherà, può aumentare la transizione, la recidiva e la progressione del tessuto muscolare. Il consumo di sigarette riduce anche l'effetto della chemioterapia e dell'immunoterapia BCG somministrate nella vescica, che vengono utilizzate nel trattamento del cancro della vescica. In conclusione, smettere di fumare quando viene diagnosticato un cancro alla vescica ha un ruolo importante nella lotta alla malattia.

La diagnosi della malattia è determinata da metodi diagnostici

Dopo aver determinato la presenza di sanguinamento nelle urine a seguito dell'analisi delle urine, i risultati diagnostici vengono ottenuti utilizzando metodi radiologici come l'ecografia, la tomografia computerizzata e la risonanza magnetica per immagini.

La citologia urinaria, che esamina le cellule nelle urine, può fornire informazioni sul grado della malattia, ma questo non è sempre sufficiente per una diagnosi definitiva.

L'intervento chirurgico è essenziale per la diagnosi e il trattamento!

Se si sospetta un cancro alla vescica, in questa fase deve essere eseguita la cistoscopia. La cistoscopia è il processo di esame del tratto urinario e della vescica entrando nel tratto urinario con uno strumento illuminato simile a un telescopio sotto anestesia.

Quando si osserva un cancro o una formazione sospetta di cancro con la cistoscopia, viene eseguita con un metodo chiuso chiamato resezione transuretrale (TUR), che è adatto per la biopsia. I tessuti prelevati vengono inviati per esame patologico. In questo modo vengono effettuati sia la diagnosi che il trattamento. Come risultato della valutazione del patologo, vengono determinate la diagnosi e le caratteristiche del cancro definitive. Lo stadio e il grado del cancro forniscono informazioni sulla rapidità con cui la malattia ha il potenziale di progredire.

Il trattamento è determinato in base allo stadio della malattia della persona.

Se il cancro non è passato nel muscolo, la classificazione del rischio viene effettuata come rischio basso, medio e alto e il piano di trattamento viene determinato di conseguenza. Un trattamento aggiuntivo viene eseguito sotto forma di chemioterapia o applicazione di immunoterapia induttiva biologica nella vescica. Lo scopo del trattamento in questi pazienti è fermare la recidiva e la progressione della malattia. Per determinare l'efficacia del trattamento, è necessario riesaminare con la cistoscopia dopo 3 mesi.

messaggi recenti