Cos'è la filofobia (paura di innamorarsi)?

Philofobia è il nome dato alla paura di innamorarsi. Una persona con filofobia sperimenta qualcosa come un attacco di ansia in presenza di una persona del sesso opposto. Se continua così, la paura della persona può indurla a prendere le distanze da coloro che hanno una connessione emotiva. La causa di questa paura è sconosciuta, ma alcuni esperti ritengono che sia associata a una rottura dolorosa che la persona non può affrontare. Indipendentemente dal motivo, è possibile per una persona superare questa fobia e avere relazioni normali.

Questa fobia di solito inizia con la paura di stabilire una connessione con un potenziale partner d'amore, ma nella sua forma grave può indurre la persona a evitare amici, familiari e altri. All'inizio, potrebbe sentirsi ansioso di stare insieme a una persona che gli piace. Il suo cuore può iniziare a battere più velocemente o in modo irregolare e il suo stomaco può deteriorarsi. Possono sentire l'impulso di sfuggire alla situazione e, in alcuni casi, evitare situazioni in cui esiste la possibilità di incontrare qualcuno del sesso opposto.

Sebbene non sia noto cosa causi la filofobia, ci sono teorie sul perché una persona ha paura di innamorarsi o di stabilire un attaccamento emotivo. Una teoria dice che la persona con questa paura ha una relazione che finisce male e non è in grado di andare avanti. Per quella persona, tutte le relazioni implicano dolore o rifiuto. Per proteggersi da quella sensazione di dolore, la persona può cercare di sfuggire alle relazioni. Ma questa teoria non è stata dimostrata dal punto di vista medico e la vera causa di questa fobia rimane un mistero.

È possibile per una persona con filofobia superare questa paura. Due trattamenti che possono essere utilizzati per aiutare la persona a superare questo problema sono la terapia di desensibilizzazione e la terapia cognitivo comportamentale. Queste due terapie generalmente funzionano di più se usate insieme. La terapia di desensibilizzazione sistematica mette la persona firofobica in interazione con la persona fino a quando quella persona diventa sensibile ad essa. Il terapeuta utilizza un computer per simulare questa interazione e aiuta la persona a prepararsi per una situazione di vita reale.

Con la terapia cognitivo comportamentale, il terapeuta aiuta la persona fitofobica a comprendere e riconoscere la sequenza dei pensieri. Quindi, quando i pensieri negativi iniziano a inondare la loro mente, il paziente può fermarli. L'idea alla base della terapia cognitivo comportamentale è che i propri pensieri possono influenzare il loro comportamento. Seguendo i propri pensieri, la persona può imparare a cambiare il proprio comportamento e la reazione all'oggetto che teme.

Efibofilia

messaggi recenti