Interruzione della gravidanza con metodi malsani

Gli esperti affermano che la situazione che si verifica con lo sviluppo dell'infezione dopo tali aborti è definita come "aborto settico (aborto spontaneo) e shock settico" nel linguaggio medico e che tali aborti vengono prima tra le cause di morte materna.

Università di Ankara (AU) Facoltà di Medicina, Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia, Membro della Facoltà Assoc. Dott. Bulent Berker, affermando che sanguinamento o spotting nei primi tre mesi di gravidanza può essere un segno di "aborto spontaneo", ha avvertito che il sanguinamento vaginale costante o in aumento è un presagio di un aborto spontaneo inevitabile.

Spiegando che l'interruzione della gravidanza prima della 28a settimana si chiama aborto spontaneo, Berker ha detto che c'è sempre il rischio di parto prematuro o aborto spontaneo nelle gravidanze e che il medico e la futura gestante dovrebbero stare attenti contro i sintomi dell'aborto spontaneo.

Berker ha affermato che il sanguinamento vaginale o spotting con o senza crampi uterini nei primi 3 mesi è un riscontro comune della minaccia di aborto spontaneo e ha sottolineato che alcuni farmaci dovrebbero essere usati con la conoscenza del medico durante la gravidanza, poiché alcuni farmaci possono anche aumentare il rischio di aborto spontaneo.

Notando che "il sanguinamento vaginale regolare o aumentato è il presagio di un aborto spontaneo che non può essere prevenuto in generale", Berker ha affermato che in questi casi, un ginecologo dovrebbe essere consultato immediatamente.

- "ALTO RISCHIO DI MORTE IN BASSO DA SÉ" -

Berker, "generalmente febbre, brividi, affaticamento, sensazione di svenimento, aumento della conta dei globuli bianchi, forte dolore addominale, secrezione maleodorante con infiammazione sanguigna, sanguinamento vaginale, diminuzione della pressione sanguigna, diminuzione della produzione di urina, difficoltà a respirare, ittero, sospetto aborto settico nei disturbi emorragici "Ha sottolineato che dovrebbe essere.

Berker ha affermato che gli aborti settici occupano il primo posto tra le morti materne e che lo shock può svilupparsi nella madre dopo l'aborto settico e ha affermato che tali aborti sono comuni soprattutto nei paesi sottosviluppati e in via di sviluppo. Berker ha affermato che gli studi hanno rivelato che l'1% dei casi di aborto settico e dei decessi correlati si osserva nei paesi sviluppati e il 99% nei paesi in via di sviluppo o sottosviluppati.

Affermando che incontrano tali casi di aborto molto frequentemente in Turchia, Berker ha detto: "La maggior parte dei casi si verifica dopo il tentativo di aborto con condizioni inadeguate e tecniche sbagliate. La procedura di aborto è causata dalla futura madre o in condizioni inadeguate.

Gli antidepressivi causano aborto spontaneo!

Strumenti pungenti come ibisco, piume di pollo e spiedini, uncinetto e fibbie e materiali come il sapone sono più frequentemente utilizzati per l'aborto spontaneo. I casi potrebbero non dire questo tipo di tentativi che hanno fatto o hanno fatto per motivi di vergogna, colpa, riservatezza e occultamento. È importante che la storia sia nota al medico nella diagnosi di infezione e shock dopo l'aborto settico, che portano a esiti fatali ".

- "LA TENDA DEVE ESSERE FATTA DA UN MEDICO" -

Affermando che alcuni microrganismi causano l'aborto settico e lo shock, Berker ha affermato che il tempo trascorso dall'aborto, la diffusione dell'infezione, il tipo di microrganismo e la resistenza generale del corpo sono importanti per la protezione delle funzioni vitali della futura gestante. .

Berker ha affermato che escherichia coli, streptococchi beta-emolitici di gruppo B, stafilococchi e microrganismi chiamati gonorrea e clostridio sono più visti dopo l'aborto e ha affermato che il rischio di "morte" è molto alto nei casi in cui l'infezione si diffonde al di fuori dell'utero. Sottolineando che le complicanze più gravi in ​​questi casi sono shock, insufficienza renale acuta e compromissione del meccanismo di coagulazione del sangue, Berker ha detto: "In una donna incinta sana, la struttura viscida e viscida nella cervice protegge l'utero dai microrganismi che possono provenire da I batteri possono entrare qui spontaneamente o utilizzando strumenti non completamente sterili, soprattutto durante l'aborto.

Gli aborti eseguiti da persone diverse dai medici sono ritenuti responsabili di circa il 60-65% di tali infezioni. Anche le parti rimanenti dopo un aborto spontaneo o un aborto e una storia di malattie sessualmente trasmissibili aumentano i fattori di rischio.

Per essere protetti dal rischio di infezione, l'aborto deve essere praticato da un medico specialista e negli ospedali contro il rischio di un intervento di emergenza. Anche l'aborto spontaneo dovuto a paura, ignoranza o ragioni finanziarie aumenta il rischio di morte.

- TENDA VIETATA IN 52 PAESI NEL MONDO-

Secondo le informazioni fornite da Berker, si stima che ogni mille nati vivi nel mondo vengano effettuati 300-500 aborti legali e illegali.

Il 25% della popolazione mondiale (52 paesi) vive in paesi con severe leggi sull'aborto. Si afferma che questo aumenta la domanda di aborti illegali e non sicuri.

L'aborto in Turchia è legale fino a 10 settimane.

- "QUANDO L'INFEZIONE È SVILUPPATA, IL RISCHIO DI MORTE DELLA MAMMA È DEL 20 PERCENTUALE" -

Come trattamento, in ospedale, come primo passo, il rifornimento di liquidi viene effettuato attraverso l'accesso vascolare. Se ci sono parti nell'utero, i resti vengono rimossi dal curettage e l'operazione chirurgica viene eseguita in presenza di ascesso. Se l'infezione si diffonde, l'utero può essere rimosso.

Il trattamento antibiotico è usato come medicinale. La degenza ospedaliera media è compresa tra 7 giorni e 3-4 mesi. Quando la malattia si sviluppa, il rischio di morte nella futura gestante arriva fino al 20%.

2

messaggi recenti