Non tutto il sanguinamento è mestruale!

Specialista in Ginecologia e Ostetricia dell'Ospedale Medipol Prof. Dott. Affermando che non tutto il sanguinamento è mestruale, C. Gürkan Zorlu ha detto: “Mentre 20 ml sono normali per una persona, 60 ml di sanguinamento in realtà indicano 3 volte più sanguinamento. Sebbene appaia entro limiti normali, una tale situazione non dovrebbe essere considerata normale. Oltre a questo, sono in realtà "sanguinamento uterino anormale" e c'è sicuramente una patologia ormonale o anatomica sotto ", ha detto.

Specialista in Ginecologia e Ostetricia dell'Ospedale Medipol di Istanbul Prof. Dott. Gürkan Zorlu ha affermato che il sanguinamento mestruale normale è definito come sanguinamento che si verifica ogni 21-35 giorni, dura meno di sette giorni e ha un totale di meno di 80 ml, e che il sanguinamento anormale è un sanguinamento mestruale irregolare senza alcun motivo o sanguinamento prolungato che lo fa. non fermarti.

Parlando di sanguinamento vaginale anormale, Zorlu ha affermato che sarebbe opportuno conoscere esattamente il ciclo mestruale nelle donne e ha affermato che qualsiasi sanguinamento vaginale denominato sanguinamento mestruale è in realtà un sintomo di un ciclo ormonale regolare. "Il sanguinamento mestruale reale è regolare e il sanguinamento che segue l'ovulazione", ha detto Zorlu.

Ricordando che ognuno ha il proprio livello normale e dovrebbe essere tenuto presente che potrebbero esserci differenze tra gli individui, Zorlu ha continuato come segue: "Mentre 20 ml sono normali per una persona, 60 ml di sanguinamento in realtà indicano 3 volte più sanguinamento, mentre sembra rientrare nei limiti normali per noi. Neanche una tale situazione dovrebbe essere considerata normale. Gli altri sono in realtà "sanguinamento uterino anomalo" e sotto di esso c'è sicuramente una patologia ormonale o anatomica. In altre parole, non tutto il sanguinamento è mestruale. Dovrebbe esserci un'ovulazione prima di ogni normale sanguinamento mestruale. In altre parole, la riproduzione inizia con l'ovulazione, non con le mestruazioni. C'è un'ovulazione davanti a ogni mestruazione ".

Specialista in Ginecologia e Ostetricia dell'Ospedale Medipol Prof. Dott. C. Gürkan Zorlu ha risposto alle curiose domande sul sanguinamento anormale:

Quali sono le emorragie che sono il risultato di una disfunzione difficile?

Il nome "sanguinamento uterino disfunzionale" viene in mente con disfunzione o deviazione nelle funzioni. Pertanto, questi sanguinamento è un termine che si riferisce a disturbi emorragici del tessuto intrauterino (endometriale) causati da anovulazione, cioè non ovulazione, senza alcuna patologia. I termini "sanguinamento uterino anomalo" e "sanguinamento uterino disfunzionale" sono usati in modo intercambiabile. Perché è necessario differenziare le patologie originate dalla cervice (cervicale), dall'utero o dalle tube, inclusi problemi di gravidanza, tumori o infezioni.

Quali svantaggi ci sono nel sanguinamento disfunzionale?

Poiché il sanguinamento disfunzionale è anovulato, le uova che non si rompono possono avere cisti e possono sorgere problemi. Potrebbe esserci una rottura o una rotazione della cisti. Questi possono avere dolori intensi e gravi. Va tenuto presente che a volte può sanguinare nella cisti (cisti emorragica) o causare sanguinamento nell'addome e causare problemi. Nei casi in cui l'ovulazione è frequentemente interrotta, possono anche svilupparsi malattie maligne nel lungo termine dell'effetto di crescita dell'effetto estrogenico sul tessuto nell'utero, che non è soddisfatto dal progesterone, ad eccezione della recidiva di cisti funzionali. Tale anovulazione prolungata è più probabile che si verifichi in pazienti con sindrome dell'ovaio policistico. Rari periodi mestruali o amenorrea in questi pazienti rappresentano un rischio e devono essere affrontati con il progesterone. Se questi pazienti sono vicini alla menopausa, sarà opportuno eseguire una biopsia. Nei pazienti che sono giovani e vogliono un bambino, il problema dell'infertilità dovrebbe essere risolto con agenti di ovulazione.

Come vengono trattate le emorragie irregolari durante l'adolescenza?

La prima cosa che viene in mente durante l'adolescenza dovrebbe essere che il ciclo mestruale non è stabilito e l'ovulazione è incompleta. Perché l'anovulazione si verifica ad un tasso del 60-90% nei 2 anni successivi alla prima mestruazione. Tuttavia, alla fine del 5 ° anno, questo tasso scende a circa il 20-30%. Ciò accade spesso a causa dell'insufficienza dei centri superiori del cervello che stanno maturando di recente. Inoltre, va tenuto presente che potrebbero esserci altre malattie sistemiche o disturbi ormonali. Naturalmente, non tutte le emorragie sono causate dall'assenza di ovulazione. Alcuni di loro si trovano in pazienti con lieve sanguinamento durante l'ovulazione. Questo si chiama "mittel-schmerz" e talvolta viene aggiunto con un po 'di dolore. Inoltre, alcune donne possono avere spotting prima delle mestruazioni e questo non dovrebbe essere considerato come mestruazione, dovrebbe essere considerato normale.

Cosa potrebbe accadere oltre alla disfunzione?

Tumori, traumi vaginali, corpi estranei, sanguinamento dovuto a cambiamenti infettivi dovrebbero essere distinti nei periodi della giovane nubile quando inizia la prima mestruazione e, in base a questo, dovrebbero essere chiamati disturbo dell'ovulazione e sanguinamento disfunzionale. In età più avanzata, dovrebbe essere considerato un ispessimento avanzato del tessuto intrauterino (iperplasia), polipi e spesso fibromi e, in loro assenza, dovrebbe essere considerato il sanguinamento dovuto all'anovulazione. Sebbene rari, i tumori dovrebbero essere tenuti a mente, perché saltare la presenza di un tale evento avrà conseguenze catastrofiche. Dopo la menopausa, quando il ciclo mestruale cessa completamente, non c'è sanguinamento disfunzionale perché le funzioni sono già cessate. Se la sostituzione ormonale viene eseguita frequentemente durante questo periodo, si verificano sanguinamento dovuto a questo, debolezza dei tessuti (atrofia) o tumori.

Cos'altro mi viene in mente?

Certamente, le funzioni tiroidee dovrebbero essere valutate mentre vengono esaminati gli ormoni e, se il disturbo è presente, dovrebbe essere corretto. Ciò accade spesso nei pazienti con ipotiroidismo, ma a volte anche con disturbi lievi. Anche i prolattinomi o altri adenomi ipofisari alterano l'equilibrio ormonale e creano anovulazione. Inoltre, nelle infezioni può esserci sanguinamento minimo o molto breve oa lungo termine. Nei casi di endometriosi, potrebbe esserci un sanguinamento mestruale eccessivo o spotting prima delle mestruazioni. Nei dispositivi intrauterini, se non proviene da tipi contenenti progesterone, la quantità di mestruazioni può aumentare e può verificarsi dolore a causa delle contrazioni. È stato riferito che c'è un'irregolarità mestruale dopo le operazioni di legatura del tubo, ma non si verifica molto spesso.

Cosa viene fatto nel trattamento?

Qualsiasi sanguinamento viene fermato principalmente dalla manipolazione ormonale. A volte può essere necessario prelevare un campione prima di questo, spesso lo facciamo oltre i 40 anni o quando ci aspettiamo una patologia. Oltre a questi, sarà opportuno determinare il grado di perdita di sangue e di quanto supporto ha bisogno il paziente, e il supporto dovrebbe essere fornito di conseguenza. Se il sanguinamento anomalo è dovuto al problema dell'ovulazione, l'emorragia viene regolata e l'ovulazione viene fornita immediatamente, ma se il bambino non lo desidera, vengono utilizzate pillole anticoncezionali regolari o vengono somministrati estrogeni regolatori e preparati sequenziali di progesterone. Inoltre, possono essere utilizzati sistemi intrauterini. Questi contengono progesterone. Lo usiamo piuttosto nei casi in cui il tessuto intrauterino si ispessisce a causa della non ovulazione, e lo preferiamo nei pazienti prossimi alla menopausa. Con questo trattamento, gli effetti degli estrogeni nell'utero vengono invertiti. Negli adolescenti e nell'adolescenza, a volte il paziente viene messo in menopausa temporanea a causa di problemi di sanguinamento e coagulazione. Questa situazione può essere preferita anche in presenza di irregolarità che possono verificarsi nei pazienti sottoposti a chemioterapia.

È necessario un intervento chirurgico?

Oltre a tutto ciò, il trattamento chirurgico può essere scelto nei pazienti che hanno completato la loro famiglia e non hanno intenzione di partorire. Inoltre, se il problema rilevato richiede un intervento chirurgico, dovrebbe essere preferito prima. Qui, generalmente preferiamo metodi endoscopici. Viene spesso eseguita in modo isteroscopico rimuovendo patologie come miomi o polipi nell'utero o rendendo il tessuto sanguinante completamente disfunzionale. A volte è necessaria la rimozione dell'utero laparoscopica come ultima risorsa.

messaggi recenti