I diabetici possono mangiare frutta?

La stretta relazione tra l'assunzione di zucchero e il diabete ha portato a diversi malintesi sui diabetici e le restrizioni dietetiche. Molte persone con diabete possono mangiare gli stessi cibi delle persone senza la malattia, ma la domanda è quanto e quanto spesso. I diabetici possono mangiare principalmente frutta e infatti sono fortemente incoraggiati a scegliere rispetto ad altri alimenti trasformati ricchi di zuccheri e altri carboidrati. La frutta contiene fibre naturali, vitamine, enzimi e altri nutrienti essenziali di cui i diabetici hanno bisogno per condurre uno stile di vita normale.

Diabete e zucchero nel sangue

L'ipotesi che la frutta possa essere dannosa per i diabetici deriva dalla relazione tra zuccheri e livelli di insulina. L'insulina trasporta il glucosio nel sangue, lo zucchero nel sangue, alle cellule, dove lo zucchero nel sangue viene immagazzinato come glicogeno, che può essere usato come carburante. Per molti diabetici, il corpo non può produrre abbastanza insulina naturale per far fronte alle elevate quantità di zucchero o carboidrati che vengono scomposti in glucosio in quel momento. I menu per diabetici tengono conto delle quantità relative di zuccheri e carboidrati presenti negli alimenti, questo è chiamato indice glicemico.

Tipi di frutta

I frutti più comuni hanno un indice glicemico basso o medio, il che significa che la maggior parte dei diabetici può metabolizzare gli zuccheri della frutta attraverso la produzione naturale di insulina. Alcuni frutti con un indice glicemico basso sono mele, fragole, pere, ciliegie e prugne. Alcuni frutti, come i datteri secchi e le angurie, hanno indici glicemici relativamente alti ma possono ancora essere mangiati a poco a poco. Molti succhi, soprattutto quelli a base di concentrati, hanno un indice glicemico elevato e dovrebbero essere consumati in piccole quantità.

Quantità di porzioni

La chiave per mangiare frutta in una dieta per diabetici è mangiare porzioni di dimensioni adeguate. Molti esperti affermano che è possibile consumare porzioni che forniscono non più di 15 grammi di carboidrati. Questo fa circa mezzo ghiaccio, una manciata di lamponi o due cucchiai di uvetta. I diabetici non dovrebbero mangiare troppa frutta in poco tempo, dovrebbero distribuire il loro consumo di frutta nell'arco della giornata. Mangiare troppa frutta dolce in una volta può essere problematico per i diabetici insulino-dipendenti, ma in generale la maggior parte dei frutti non causa un pericoloso picco nei livelli di zucchero nel sangue.

La fibra è importante

Frutta come mele e arance forniscono fibre, fruttosio e zucchero della frutta. Può essere difficile per i diabetici assumere abbastanza fibre nella loro dieta perché molti cibi ricchi di fibre naturali possono anche essere ricchi di amido, zucchero o altri componenti ad alto indice glicemico. La frutta può anche soddisfare le voglie dei diabetici di zucchero trasformato come ciambelle dolci e brownie. Una manciata di uva o una mela media lontano dai pasti può mantenere i livelli di zucchero nel sangue senza creare un picco improvviso che può affaticare il pancreas già oberato di lavoro e produttore di insulina dei diabetici.

Chi non fa colazione mangia più cibo

messaggi recenti