Cosa succede nei 15 giorni in cui hai smesso di fumare?

In questi giorni in cui il nuovo anno si avvicina e vengono prese nuove decisioni, smettere di fumare potrebbe essere uno dei tuoi obiettivi. Tuttavia, può essere molto difficile smettere di fumare, soprattutto per i fumatori a lungo termine, a causa dell'astinenza da nicotina, delle abitudini orali e delle abitudini sociali. Tuttavia, anche entro i primi 15 giorni dopo aver eseguito questo passaggio, ci sono miglioramenti significativi della salute.

Dopo che i fumatori hanno fumato l'ultimo fumo, i polmoni iniziano quasi immediatamente a liberarsi dal catrame tossico. Dopo i primi 20 minuti, la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca di coloro che hanno smesso di fumare tornano a livelli sani. Dopo 12 ore, poiché i polmoni e il sangue assorbono ossigeno anziché fumo, il monossido di carbonio tossico viene escreto dal corpo.

Smettere di fumare aiuta a migliorare la circolazione sanguigna e di ossigeno, aumentare la funzione e la capacità polmonare dopo 15 giorni. Mentre le strutture purificanti e ciliate nei polmoni rimuovono l'accumulo tossico del fumo di sigaretta, chi smette di fumare inizia a tossire meno. Poiché l'eccessivo muco causato dal fumo diminuisce gradualmente, la possibilità di sviluppare malattie respiratorie correlate al fumo diminuisce gradualmente.

Gli effetti cosmetici ed estetici iniziano a essere visti entro due settimane dopo aver smesso di fumare. L'odore dell'alito migliora rapidamente, le macchie sui denti si riducono e l'odore di fumo dai capelli e dai vestiti della maggior parte dei fumatori scompare. Poiché il fumo e il catrame non bloccano gli organi sensoriali, il senso del gusto e dell'olfatto inizia a svilupparsi.

Mentre smettere di fumare ha effetti visibili entro 15 giorni, l'importanza di smettere di fumare continua a manifestarsi nei mesi e persino negli anni successivi. La possibilità di morte per cancro ai polmoni è significativamente ridotta.

L'aumento della capacità respiratoria nei polmoni di coloro che smettono di fumare riduce il rischio di malattia coronarica della metà entro 1 anno dopo aver smesso. La probabilità di paralisi entro 5-15 anni dall'ultima sigaretta è quasi uguale a quella dei non fumatori. I problemi che provocano la morte si vedono in coloro che continuano a fumare.

L'esposizione regolare dei polmoni al catrame contenuto nel fumo di sigaretta provoca una malattia chiamata enfisema. Questa malattia è letteralmente come annegare per un lungo periodo di tempo. Inoltre, si afferma che il fumo causa il 90% dei decessi per cancro ai polmoni negli uomini e l'80% dei decessi per cancro ai polmoni nelle donne.

messaggi recenti